motore di ricerca in inglese sul restauro librario

Loading

Scarica il salvaschermo sulla manipolazione dei materiali librari

Nuovamente funzionante ! è disponibile on line dal sito di patologia il salvaschermo sulla manipolazione dei materiali librari, può essere un sistema economico per l'educazione di personale e utenti, fatene buon uso ! scarica il salvaschermo

martedì, agosto 26, 2008

Città di Castello Mostra Mercato del Libro e della Stampa Antica

Città di Castello (Pg). Città di Castello-Città del Libro, il 6 e 7 settembre 2008, organizza la VIII Edizione della Mostra Mercato del Libro e della Stampa Antica, la mostra è allestita nell’antico Loggiato di Palazzo Bufalini. Ingresso gratuito. Orario: 9.30-19.30. Info: tel. 075.8529255.
Assisi Online ® tourist guide assisi tourism Assisi hotel information about Assisi hotels assisi agriturismo farm country house Assisi agriturismi map monuments art packages travel assisi
Pubblicato con Flock

Galileo :: Giornale di scienza e problemi globali » Nanomaquillage per antiche bellezze

Dagli affreschi, ai libri, agli oggetti in legno, oggi le tecniche di restauro sfruttano sempre più le conoscenze della fisica della materia condensata. Se ne parla a Cmd22, a Roma dal 25 al 29 agosto

di Tiziana Moriconi


Questa tecnica ha preso il via con il restauro degli affreschi, poi si è passati alla carta e ora si comincia ad applicare gli stessi principi agli antichi velieri in legno. Nel caso della conservazione delle opere letterarie o, in generale, in cellulosa, le nanoparticelle di idrossido di calcio (ancora meglio di magnesio) funzionano perché sono basiche, dunque possono essere usate anche per riportare a pH neutro i libri che la naturale acidificazione della carta sta deteriorando. Quella che distrugge le molecole di cellulosa è una reazione autocatalitica, cioè che si auto implementa: man mano che la carta si degrada, si produce un composto acido che aumenta la velocità del deperimento. In questo caso la tecnica fa riguadagnare un po’ della proprietà meccanica e arresta il degrado almeno finché la carta resta a un pH neutro. Il vantaggio delle nanoparticelle è che reagiscono velocemente - soprattutto considerata l’ampiezza della superficie da trattare. L’anidride carbonica contenuta nell’aria, infatti, arriva subito a destinazione e si formano immediatamente i carbonati di calcio e magnesio che restaurano la carta. L’eccesso di questi composti impedisce che la carta torni acida per i successivi 50, 100, o persino 200 anni. L’altro vantaggio di usare particelle così piccole è che non causano alcuna alterazione della qualità estetica e tattile delle opere.
Galileo :: Giornale di scienza e problemi globali » Nanomaquillage per antiche bellezze
Pubblicato con Flock

venerdì, agosto 22, 2008

Storia del libro e della bibliografia

Vi segnalo per chi volesse ripassare un po' di basi che fino al 4 settembre sul portale didattico del Consorzio ICoN rimarrà pubblicato, in libera consultazione, il modulo didattico curato da Luigi Balsamo.

 Storia del libro e della bibliografia

sono gli ultimi giorni per darci un'occhiata


Pubblicato con Flock

mercoledì, agosto 20, 2008

- Bilâd Chinqit. Il paese di Chinquetti -


Il giorno 27 agosto 2008, alle ore 11.30, a Villa Manin di Passariano, barchessa di levante, secondo piano, aula conferenze, il regista Lucio Rosa introdurrà la proiezione del film documentario Bilâd Chinqit. Il paese di Chinquetti.

L'iniziativa rientra nelle attività previste dalla fase di formazione in Italia del progetto "Salvaguardia delle Biblioteche del deserto in Mauritania", un iniziativa di cooperazione internazionale fra il Centro regionale di catalogazione e restauro dei beni culturali e la Direzione Generale per la Cooperazione allo Sviluppo del Ministero degli Affari Esteri.

Ulteriori informazioni sono disponibili sul sito web www.beniculturali.regione.fvg.it

Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia
Centro regionale di catalogazione e restauro dei beni culturali Villa Manin di Passariano, esedra di ponente
33033 PASSARIANO DI CODROIPO UD
Tel. 0432 824140; fax. 0432 905147
e-mail alessandro.pesaro@regione.fvg.it
Bilad Chinqit 27 agosto 2008.pdf


Pubblicato con Flock

martedì, agosto 19, 2008

FONDAZIONE PER LA CONSERVAZIONE E IL RESTAURO DEI BENI LIBRARI

In autunno verrà attivato, presso la prestigiosa sede della Rocca Albornoziana, un Master di I livello in “Conservazione e restauro delle raccolte librarie e documentarie” in collaborazione con le Facoltà di Lettere e Filosofia e di Scienze della Formazione dell’Università degli Studi di Perugia. Il corso, altamente professionalizzante, prevede – su un totale di 1.500 ore – 360 ore di didattica frontale e ben 640 ore di laboratorio in affiancamento a restauratori professionisti, oltre ad uno stage di perfezionamento presso laboratori, biblioteche o archivi pubblici e privati.
FONDAZIONE PER LA CONSERVAZIONE E IL RESTAURO DEI BENI LIBRARI

Questo è lo scarno annuncio che ho trovato sul sito della fondazione di Spoleto. è un master di primo livello mi chiedo cosa pensino di fare rispetto al problema della qualifica...

Non è lo stesso corso che ho segnalato precedentemente sulla progettazione sembrerebbe un corso di restauro vero e proprio.
Pubblicato con Flock

lunedì, agosto 18, 2008

Corso di aggiornamento per restauratori MATERIALI PER LA PULITURA DI OPERE CARTACEE E MEMBRANACEE

 Corso di aggiornamento per restauratori
 Venezia, 26 -- 27 settembre 2008

 Il Cesmar7 -- Centro per lo Studio dei Materiali per il Restauro, in
collaborazione con la Biblioteca Nazionale Marciana, organizza a Venezia
nei giorni 26-27 Settembre 2008 un Corso di aggiornamento professionale
teorico-pratico per restauratori sul tema:

 MATERIALI PER LA PULITURA DI OPERE CARTACEE E MEMBRANACEE

 Il corso, tenuto da Paolo Cremonesi e Letizia Montalbano, si svolgerà
presso la Biblioteca Nazionale Marciana (Piazzetta San Marco, 7 - 30124
Venezia), con orario: venerdì 26 settembre dalle 10.oo alle13.oo e dalle
14.oo alle 18.oo; sabato 27 settembre dalle 9.oo alle 14.oo, per un
totale di 12 ore.
 In programma: il primo giorno, al mattino, avrà luogo una lezione
teorica; nel pomeriggio e il secondo giorno sono previste applicazioni
pratiche.

 Argomento delle lezioni
 . Semplici test analitici:
 1. Test di riconoscimento di leganti amilacei e proteici.
 2. Test per la composizione della carta (Reattivo di Herzberg o
Cloroioduro di Zinco; Floroglucinolo)
 . Gelificanti per acqua: Klucel, Xantano, Carbopol, Agarosio/Agar
 . Tensioattivi: Coccocollagene
 . Enzimi: Amilasi e Proteasi
 . Solventi organici: i Parametri di Solubilità ed il Test di Solubilità

 Informazioni per i partecipanti.
 Ai partecipanti viene fornito un "kit" dei materiali presentati nel
corso, in modo che subito dopo il corso possano mettere in pratica i
metodi proposti. Sono disponibili due diversi tipi: un "kit di base"
composto di tre sostanze gelificanti, una sostanza tampone, un
tensioattivo, due enzimi e sei miscele solventi per il test di
solubilità; un "kit completo" che ha in più anche i reagenti per il
riconoscimento di proteine e di amido e per la caratterizzazione del
tipo di carta, con la relativa attrezzatura. Al momento dell'iscrizione
specificare la scelta.

 I partecipanti devono assicurare la disponibilità di opere su cui
effettuare la parte applicativa: materiali cartacei e membranacei,
disegni, stampe, tecniche miste, materiali librari, oggetti
multimaterici (globi, ventagli, collages etc.....) Casi desiderabili:
rimozione dal /verso/ di colle di natura vegetale o animale o mista;
stacco di disegni o stampe da supporti cartacei di vario spessore, da
tele, cartoni, pannelli lignei; pulitura del /recto/ da collanti di
varia natura; stacco localizzato di toppe, cartellini, elementi aggiunti
come strisce decorative, rimozione di nastri adesivi di vario tipo.

 Si richiede di portare una minima attrezzatura personale (bisturi,
pennellini, guanti,...) Si forniscono gli appunti del corso e si
rilascia attestato di frequenza.

 Costo e modalità d'iscrizione. Sono previste due possibilità, in base
al tipo di "kit" di materiali che si desidera. In entrambi i casi, la
"quota soci" è applicabile a quanti risultino già regolarmente iscritti
al momento della pubblicazione di questa informativa.
 Prima possibilità, iscrizione + "kit di base": 350 Euro comprensivo di
IVA, 320 Euro comprensivo di IVA per i soci.
 Seconda possibilità, iscrizione + "kit completo": 400 Euro comprensivo
di IVA, o 370 Euro comprensivo di IVA per i soci.

 Per prenotare le iscrizioni contattare il CESMAR7: cesmar7@cesmar7.it
<mailto:cesmar7@cesmar7.it>, segreteria telefonica 348 321 2820. Per
essere confermate, le iscrizioni dovranno essere convalidate dal
versamento della quota, secondo le modalità sotto indicate, entro
Venerdì 12 Settembre 2008.
 I versamenti, indicanti la causale
 "cr 08014, iscrizione + kit di base"
 oppure
 "cr 08014, iscrizione + kit completo"
 devono essere effettuati tramite Versamento su c/c 000001170189,
intestato a Associazione Cesmar7, presso UniCredit Banca Spa, Agenzia
Verona Valdonega, Via Marsala 15, 37128 Verona. Per l'Italia: CIN IT D,
ABI 02008, CAB 11732 (IBAN: IT 58 D 02008 11732 000001170189). Per
l'Estero: Paese IT, CIN EU 58, ABI 02008, CAB 11732 (BIC SWFIT: UNCRIT
B1S11). Si prega di specificare il nome della persona che parteciperà al
corso (se diversa da quella che effettua il versamento) e di contattare
comunque il Cesmar7 per confermare la partecipazione al corso, e
comunicare la data dell'avvenuto versamento e i dati necessari per la
fatturazione.

 Info:
 Cesmar7 - Centro per lo Studio dei Materiali per il Restauro
 Via Lombardia 41/43 - 35020 Saonara (PD)
 Segreteria telefonica: 348 321 2820
 Website: www.cesmar7.it
 E.Mail: cesmar7@cesmar7.it

Pubblicato con Flock

giovedì, agosto 14, 2008

Firenze. II° Corso di Conservazione e Restauro della Fotografia Alinari-OPD (2008/2009) | EosArte.eu

Firenze. II° Corso di Conservazione e Restauro della Fotografia Alinari-OPD (2008/2009)13 Ago 2008 | fotografia, NewsLa Fratelli Alinari Fondazione per la Storia della Fotografia e L’OPD ( Opificio delle Pietre Dure ), organizzano in collaborazione con L’Opificio delle Pietre Dure, l’ Istituto centrale del Ministero per i Beni e le Attività Culturali finalizzato alla ricerca, alla operatività e alla formazione nel campo del restauro, il II° Corso di Conservazione e Restauro della Fotografia Alinari-OPD (2008/2009). L’Opificio ha origine nel 1588 come manifattura granducale, voluta da Ferdinando I de’ Medici e dedita alla lavorazione di opere d’arte realizzate in pietre dure.Nel corso dell’Ottocento l’impegno produttivo venne gradualmente trasformandosi in attività di manutenzione e restauro dei manufatti legati alla plurisecolare storia dell’Istituto. In seguito le competenze si sono ampliate fino a raggiungere l’attuale articolazione in undici laboratori organizzati per materiali costitutivi e destinati a Mosaico e commesso in pietre dure, Materiali lapidei, Bronzi, Oreficerie, Terracotte, Arazzi, Dipinti su tela e tavola, Dipinti murali, Scultura lignea, Tessili e Carta. A questi si aggiungono i Laboratori scientifici, un servizio di Climatologia e Conservazione Preventiva, il Museo, l’Archivio, la Biblioteca e la Scuola di Alta Formazione che annualmente diploma 15 nuovi restauratori. Il Corso di Conservazione e Restauro della Fotografia è tenuto presso la sede ospitata nella rinascimentale Fortezza da Basso in Viale Filippo Strozzi ma è prevista anche una visita ai laboratori ed al Museo collocati in quella storica di via degli Alfani.La Fratelli Alinari. Fondazione per la Storia della FotografiaLa Fratelli Alinari, costituita a Firenze nel 1852, è l’azienda di più antica fondazione al mondo operante nel campo della fotografia e più in generale nel settore delle immagini e della comunicazione.Alle istituzioni ‘storiche’, cioè gli Archivi, la Stamperia d’Arte, la Casa Editrice e la Fototeca, si sono aggiunti dal 1985 il Museo di Storia della Fotografia Fratelli Alinari con la Biblioteca di Storia della Fotografia e dal 1996 il Laboratorio di Restauro della Fotografia costituito con l’Opificio delle Pietre Dure. Il laboratorio si pone come significativo e qualificato centro di riferimento nazionale per tutto ciò che riguarda le problematiche legate alla conservazione e al restauro dei materiali fotografici nella loro accezione più ampia, basando la sua esperienza sul costante lavoro di intervento per la conservazione del considerevole patrimonio custodito presso lo stesso Museo di Storia della Fotografia Fratelli Alinari che oggi custodisce un ‘corpus’ fotografico con pochi eguali al mondo, con oltre 5.500.000 immagini di proprietà, storiche e attuali, tra positivi d’epoca, ‘vintage prints’, negativi su vetro e su pellicola e fotocolors. Nel programma del corso è prevista una visita dello Stabilimento e delle collezioni museali e una visita alla sede espositiva alle Leopoldine del MNAF-Museo Nazionale Alinari della Fotografia in piazza Santa Maria Novella.Comitato Scientifico· Bruno SantiSoprintendente dell’Opificio delle Pietre Dure di Firenze· Alessandra GriffoDirettore della Scuola di Alta Formazione dell’Opificio delle PietreDure di Firenze· Letizia MontalbanoRestauratore conservatore di materiali cartacei dell’Opificio delle Pietre Dure di Firenze· Claudio de PoloPresidente della Fratelli Alinari. Fondazione per la Storia della Fotografia di Firenze· Emanuela SestiDirigente Responsabile Corsi di Formazione e AIM-Alinari Images Museum Fratelli Alinari. Fondazione per la Storia della Fotografia di Firenze· Luigi TomassiniUniversità degli Studi di BolognaDocenzaLa didattica è affidata a:· Docenti Universitari· Docenti della Scuola di Alta Formazione dell’OPD· Funzionari del Ministero dei Beni Culturali· Tecnici specializzati nel restauro del Laboratorio della Fratelli Alinari· Esperti del settore·Per ulteriori informazioni sul corso rivolgersi aVincenzo CircostaResponsabile Bookshop-Biglietteria MNAFMuseo Nazionale Alinari della FotografiaFirenze-LeopoldinePiazza Santa Maria Novella 14 a/rtel. +39055216310fax: +390552646990
Firenze. II° Corso di Conservazione e Restauro della Fotografia Alinari-OPD (2008/2009) | EosArte.eu
Pubblicato con Flock

mercoledì, agosto 06, 2008

Ginevra, migliaia di libri in pericolo [news.search.ch]

Ginevra, 3.7.2008
L'università di Ginevra è impegnata in una vasta operazione per salvare migliaia di libri danneggiati dall'acqua usata dai pompieri per spegnere l'incendio scoppiato domenica nell'edificio che ospita la facoltà di lettere (ex scuola di chimica). Circa 20'000 volumi sono stati sistemati in un deposito frigorifero in attesa di essere disseccati grazie a un procedimento di liofilizzazione. Altri 30'000 sono in un capannone ventilato. Il sinistro, su cui la polizia sta indagando, ha devastato il tetto dell'edificio la sera della finale degli Europei di calcio tra Germania e Spagna.
Ginevra, migliaia di libri in pericolo [news.search.ch]

Qualcuno vuole fare vacanze in montagna ?
Pubblicato con Flock

lunedì, agosto 04, 2008

Corso "Progettare la Conservazione - corso di specializzazione per esperto conservatore di beni archivistici e librari. "

Corso "Progettare la Conservazione - corso di specializzazione per esperto conservatore di beni archivistici e librari. ":
"La Fondazione per la conservazione e il restauro dei beni librari di
Spoleto, nell’ambito del Catalogo Interregionale dell’Alta Formazione
(www.altaformazioneinrete.it), presenta Progettare la Conservazione - corso
di specializzazione per esperto conservatore di beni archivistici e librari.
Il corso, della durata di 180 ore, è rivolto a bibliotecari o archivisti già
occupati.
L’attività non è finanziata, tuttavia è possibile, per i residenti in Umbria
o in una delle altre Regioni che partecipano al Catalogo (Veneto, Emilia,
Lazio e Sardegna) usufruire di un voucher pari all’intero costo del corso (€
2.000,00), inoltrando richiesta alla propria Regione entro e non oltre le
date di scadenza indicate nei rispettivi bandi (entro il 20 agosto p.v. per
la Regione dell’Umbria). L’assegnazione del voucher è subordinata alla
verifica dei requisiti del richiedente e all’ammissione in graduatoria e può
essere prevista una quota di cofinanziamento a carico del richiedente. (Per
scaricare la versione integrale dell’avviso pubblico per l’erogazione di
voucher si rinvia ai seguenti indirizzi: www.altaformazioneinrete.it/umbria;
www.formazionelavoro.regione.umbria.it)."

Per ulteriori informazioni:
FONDAZIONE PER LA CONSERVAZIONE E IL RESTAURO DEI BENI LIBRARI
Piazza Campello, 2 – Rocca Albornoziana
06049 SPOLETO (PG)
tel. 0743/224298 - fax 0743/224760
segreteria@restaurolibro.com

Patmos Workshop

Vi segnalo il sito del Monastero di patmos dove c'è un laboratorio di restauro e dove fanno anche seminari sulla storia della legatura, se qualcuno non ha ancora prenotato le vacanze ...


Home - Patmos Workshop

illuminated manuscripts conservation

Instituto Valenciano de Conservación y Restauración de Bienes Culturales, Spain
Short course on illuminated manuscripts conservation (pdf), Valencia, Spain, 24 - 27 September 2008
Application deadline: 10 September 2008

Instituto Valenciano de Conservación y Restauración de Bienes Culturales, Spagna

Corso Breve sul Restauro dei Codici Miniati a Valencia, 24 - 27 Settembre 2008
Application deadline: 10 Settembre 2008



illuminated manuscripts conservation
Pubblicato con Flock