motore di ricerca in inglese sul restauro librario

Loading

Scarica il salvaschermo sulla manipolazione dei materiali librari

Nuovamente funzionante ! è disponibile on line dal sito di patologia il salvaschermo sulla manipolazione dei materiali librari, può essere un sistema economico per l'educazione di personale e utenti, fatene buon uso ! scarica il salvaschermo

giovedì, dicembre 17, 2009

workshop on AN EXEMPLAR FOR STIFF-BOARD BINDING with Christopher Clarkson

Archives of the Republic of Slovenia

In collaboration with the

University of Ljubljana

Conservation Department of the Academy

of Fine Arts & Design

Announce a workshop on

AN EXEMPLAR FOR STIFF-BOARD BINDING

with

Christopher Clarkson

Ljubljana, 8-19 November 2010

Tutor: Prof. Christopher CLARKSON, Oxford, UK

Organizer: Prof. Dr. Jedert Vodopivec (Archives of Slovenia, University of Ljubljana)

Place: National Archives, Ljubljana, Slovenia

Date: 8-19 November 2010 from 8am to 5.30 pm daily except Saturday and Sunday

Working language: English

Contact e-mail: jedert.vodopivec@gov.si

Workshop costs: fee/person: 1200 Euros

accommodation & travel: is not included in the fee

Application procedure:

Applicants should complete the application form, enclose a current CV and submit a statement on how the workshop will benefit to their practice and development as book conservator.

Application Deadline: 31. January 2010

Applicants will be evaluated according to their experience and knowledge and the content of their personal statement.

Applicants will be notified of their standing in the selection procedure by end of March 2010. Each selected participant will be required to forward the seminar fee and materials costs by 15th June 2010 in order to secure the place.

In case of cancellation the organizer will retain 200 Euros.

Accommodation :

http://www.apartmaji.si/

http://www.ljubljana.si/si/turizem/nastanitev/apartmaji_in_sobe/default.html

http://www.daj-dam.si/slo/Mrak/mrakmain.htm

http://www.slovenia.info/?mladinski_dom=23314&lng=1

http://www.privodniku.si/prenocisca.html"

Ljubljana 8-19 November 2010 Workshop.

Ljubljana 8-19 November 2010 Workshop.

Title: 'AN EXEMPLAR FOR STIFF-BOARD BINDING'

Tutor: Prof. Christopher CLARKSON, Oxford, UK

Organizer: Prof. Dr. Jedert Vodopivec

Place: National Archives, Ljubljana, Slovenia

The purpose of this Workshop is not one of recreating an historical bookbinding model but of extracting the best techniques from the finest periods of Western bookbinding, seen from an engineering/mechanical perspective. In producing this model prof. C. Clarkson wants participants, through discussion, lectures & practical work, to appreciate how interrelated each part is to movements within the whole three-dimensional object.

From this model prof. Clerkson also wish to supply participants with a wide pool of information & techniques, in fact to gain a greater understanding on which to plan conservation & repair of later period stiff-board bindings. During the last day we will be studying a selection of 16 ­ 19th century damaged bindings & discussing the options we have for stabilization & repair of their structures.

An introductory lecture will cover the following:

* From where did many of the features of modern European binding derive?
* Features such as the convex spine, backing shoulders, overlapping boards?

During this session we are going to concentrate upon a binding type that Prof. Clarkson thinks of as a milestone on the way to perceiving answers to these questions. In doing this he hopes an understanding may be gained of not only historical techniques, but also of the asthetic, and qualities in techniques surrounding certain of his modern stiff-board hand binding practices.

Further background.

The manuscript period developed very diverse codex constructions that did not begin to be reduced to a few basic types of binding until the latter part of the 14th century, or even later. When the individual craftsman produced the whole bookbinding, the materials and techniques used were

usually of a high standard. In fact the object not only displayed a wholeness but a natural vitality, a spontaneity, which at first carried on into the printed book period. By 1500 A.D. we begin to see features that suggest greater division of labour, economies in quality of materials used and abbreviations in techniques.

The Workshop will concentrate on making a binding based upon the later laced board binding, which will encompass good features of construction from various types of stiff-board binding. Success will rely on well-judged sewing, board shaping, endbanding and covering, and not on artificial spine

shaping, adhesives or pressing. Care and concentration are required, because in this binding there are few of the in-built tolerances so necessary for the post c.1550 binding trade, or for that matter for today1s average bookbinder. To achieve this will be hard work but by the end of the session Prof. Clarkson hopes you will have understood some of his basic constructional philosophy and some essential techniques that will greatly help you in your future studies."

lunedì, novembre 30, 2009

Tecniche di restauro | DDComics

Tecniche di restauro | DDComics: "Tecniche di restauro
29 novembre 2009 Admin DDC. [RiZzUs] Lascia un commento Vai ai commenti

http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/6/6a/Mortician%27s_resorative_tools.JPG..Da un’idea del 2007..

Restauro per fumetti e libri

Se siete arrivati fin qui, avrete certamente qualche “problemuccio” con il vostro albo/fumetto preferito e poichè anche l’occhio vuole la sua parte, vorrete porvi rimedio!

I metodi di seguito descritti possono essere utilizzati su qualsiasi fumetto (o libro), Dylan Dog o altri Bonelli compresi.. ricordatevi che comunque si tratta di tecniche amatoriali che se applicate nei metodi e moderazione descritti non dovrebbero causare danni ai vostri fumetti. Le guide e i procedimenti descritti, sono stati testati con successo, tuttavia per danneggiamenti gravi o albi molto rari (es. Topolino libretto n.1, 1949) consigliamo restauro da esperto. I consigli sono tratti, per la maggior parte, da siti specializzati sul restauro, da professionisti del settore; quindi la dicitura “tecniche amatoriali”, si riferisce più che altro all’applicazione di tali procedure da mani inesperte (noi e voi non professionisti)."

venerdì, novembre 20, 2009

1/00262 : CAMERA - ITER ATTO

1/00262 : CAMERA - ITER ATTO

Il viaggio della carta. Dall’Oriente all’Occidente: la produzione, la diffusione, l’uso e la conservazione

Il viaggio della carta. Dall’Oriente all’Occidente: la produzione, la diffusione, l’uso e la conservazione

Custodire per conservare | Ass. Nazionale Archivistica Italiana Sezione Veneto

Custodire per conservare | Ass. Nazionale Archivistica Italiana Sezione Veneto: "Custodire per conservare


Custodire per conservare

Seminario di studio
Università
Iuav di Venezia
Aula Tafuri – Palazzo Badoer
Calle della Scuola di S. Giovanni Evangelista
4 dicembre 2009 – ore 15.00



La Sezione Veneto dell'Associazione Nazionale Archivistica Italiana organizza, in collaborazione con l'Università Iuav di Venezia, un seminario dal titolo “Custodire per conservare”, che sarà ospitato dall'Università Iuav di Venezia, presso la prestigiosa aula Tafuri in Palazzo Badoer, venerdì 4 dicembre 2009, alle ore 15.00.
Il seminario, rivolto ad archivisti e bibliotecari, tratterà il tema della conservazione nell’accezione più ampia del termine: la scelta dei locali e delle scaffalature, l’individuazione dei materiali più idonei al condizionamento della documentazione eterogenea nelle forme e nei materiali, la lotta contro gli insetti nocivi e l’organizzazione dei traslochi costituiscono alcune delle problematiche con cui ci si deve confrontare e che colgono, in situazione di emergenza, spesso impreparati. In questa prospettiva verranno presentate, anche attraverso esempi di best practises, metodologie e tecniche idonee a garantire la prevenzione e la corretta conservazione dei beni archivistici.
La giornata sarà articolata in un'unica sessione pomeridiana, coordinata da Monica Martignon, responsabile dell’Archivio generale dell’Università Iuav.


Dopo i saluti dei rappresentanti delle istituzioni, interverranno:
Cecilia Prosperi, Direttore del laboratorio di restauro dell'ICRCPAL e Funzionario Archivista
Irma Paola Tascini, già direttore dell’Archivio di Stato di Rieti
Eugenio Veca, entomologo dell’Istituto centrale per il restauro e la conservazione del patrimonio archivistico e librario
Simona Budassi, restauratrice di beni librari
Massimo Miani, Premio Srl


A seguire il dibattito."

lunedì, novembre 16, 2009

jeff peachey
a drop spine box with an integral cradle
http://jeffpeachey.wordpress.com/2009/10/27/drop-spine-box-with-an-integral-cradle/
Posted in book arts, book conservation, book repair, books, conservation by Jeff Peachey on October 27, 2009
Peter Waters, in the introduction to ?Boxes for the Protection of Rare Books: Their Design and Construction? established seven basic precepts for designing a protective enclosure in 1982. It is an excellent analysis of what a good book box should be, and is worth quoting in entirety:

On the Smell of Old Books. Using ?material degradomics? to preverve your treasured books

http://athenadr.wordpress.com/2009/11/15/on-the-smell-of-old-books-using-%E2%80%9Cmaterial-degradomics%E2%80%9D-to-preverve-your-treasured-books/
The aroma of an old book is familiar to every user of a traditional library. This unmistakable smell is the result of the several hundred identified volatile and semi-volatile compounds (VOCs) released from the paper into the air.

The old books ought this particular smell in the degradation of the compounds and products of paper. Scientists now say that they have developed a technique which can describe the condition of an old book and tell why it has degraded, only by its odour.


Image Credit: Astronomy Library, Utrecht

They based their technique on the concept of metabolomics. Metabolism, is a process of living organisms that have the power to adapt and renew, but scientists say that the complexity of heritage objects is to an extent comparable to the complexity of living organisms, thus the ?-omics? type methodologies could be effective in the study of heritage objects.

Matija Strli? and his team used this new technique called ?material degradomics? to ?sniff? 72 historical books and documents from the 19th and 20th centuries without altering the documents themselves. The results of gases analysis show that most paper produced between 1850 and 1990 is likely not to survive more than a century or two due to the inherent acidity autocatalyzing its degradation.

The scientists identified in total 15 VOCs; cellulose which is the most important structure element of paper and its degradation depends on its macromolecular and general environment. They also found rosin (a solid form of resin, obtained maily from pines) which is used to make paper fibres hydrophobic, and lignin, a complex aromatic cross-linked 3D polymer that has a pronounced effect on the stability of paper-based materials. Other VOCs found were gelatine ? mainly in rag papers (usually linen, hemp, and cotton rags)-, aluminium and ash.

Heritage institutions, such as libraries, and museums would be very interested in this technique. A quantitative VOC analysis can be very useful as a diagnostic tool for the degradations and condition of their collectives as well as the preservation and conservation treatments.

Source:

Matija Strli?, Jacob Thomas, Tanja Trafela, Linda Csfalvayov, Irena Kralj Cigi?, Jana Kolar and May Cassar. Anal. Chem., 2009, 81 (20), pp 8617?8622, DOI: 10.1021/ac9016049. ACS Publications

lunedì, novembre 09, 2009

Florence recovers from Flood 1967

guardate quanti erano i restauratori della BNCF nel '67!

Restauratori in lotta: ma tutto questo fa bene al nostro patrimonio culturale? « BRETELLALOG

leggete un po' di riflessioni del blog di bretella

Restauratori in lotta: ma tutto questo fa bene al nostro patrimonio culturale? « BRETELLALOG: "Restauratori in lotta: ma tutto questo fa bene al nostro patrimonio culturale?

Pubblicato da bretella su 2 Novembre, 2009

Lo so, il titolo è già di per sè un articolo, ma volevo attirare un po’ di attenzione. Quando ero tra i banchi universitari, una delle prime frasi in latinorum (brocardi) che ho imparato è stata la famosa (o famigerata) cui prodest? A chi giova? Ed è quello che mi viene da pensare quando leggo del mondo del restauro in rivolta contro un decreto applicativo delle “regole del gioco” che scontenta tanti professionisti, troppi…A chi giova questa situazione? Perchè non si riesce a trovare una soluzione valida per il maggior numero di “lavoratori” (e non dimentichiamolo quest’ultimo particolare..)? Io credo che il metodo adottato non sia del tutto valido, perchè spazza via dal mondo del restauro riconosciuto (quello che ti fa lavorare insomma..) una percentuale troppo alta di persone che finora vi hanno lavorato. Non mi piace il metodo adottato perchè i criteri sono nebulosi, perchè gli attestati dei lavori non sono certi sin dall’inizio della procedura di partecipazione, ma lo sono alla fine, quando “i giochi sono fatti”..Non mi piace perchè chi ha studiato engli ultimi anni lo ha fatto a proprie spese senza nessuna possibilità di riconoscimento formale. Non mi piace perchè alla fine questo pastrocchio sarà soltanto una tantum e chi c’è c’è…a chi tocca non si ingrugni(!). Non si può, non si deve avere paura di tornare sulle proprie posizioni: i criteri vanno rivisti, perchè va salvaguardato il lavoro dei tanti restauratori che rischiano di restare fuori dal riconosicmento ufficiale e perchè non si può rischiare di dar vita ad un procedimento che va contro le stesse regole comunitarie.

Chi ha la possibilità ci rifletta e dia un segno di disponibilità, almeno a dialogare per trovare una soluzione condivisa e valida. Altrimenti si rischia per l’ennesima volta di infliggere una ferita mortale al nostro patrimonio culturale, privato persino di ciò che ci invidia tutto il mondo: i nostri restauratori."

venerdì, novembre 06, 2009

catalogo Nardini 2009

Il catalogo ? disponibile online! Scaricatelo subito in formato pdf (2,7MB) sul sito di Nardini Editore o su www.italiarestauro.it.

Se invece desiderate ricevere gratuitamente il catalogo cartaceo direttamente a casa vostra, inviateci una e-mail con il vostro indirizzo (Solo Italia).

Per informazioni: Nardini Editore - Nardini Press srl - Via Panciatichi, 10 - 50127 Firenze - Tel. 055 7954320 - Fax 055 7954331 - E-mail: info@nardinieditore.it - Web: www.nardinieditore.it

L'USO DI SISTEMI ASPIRANTI IN INTERVENTI STRUTTALI NEL RESTAURO DELLA CARTA - AUTOCOSTRUZIONE E USO DI UN TAVOLO ASPIRANTE

Il Cesmar7 ? Centro per lo Studio dei Materiali per il Restauro organizza a Rovere
della Luna (TN) nei giorni 20-21 Novembre 2009 un Corso di aggiornamento
professionale teorico-pratico per restauratori:
L'USO DI SISTEMI ASPIRANTI IN INTERVENTI STRUTTALI NEL RESTAURO
DELLA CARTA - AUTOCOSTRUZIONE E USO DI UN TAVOLO ASPIRANTE
Docente. Lorenzo Pontalti
Sede dello svolgimento. Studio di restauro di Lilia Gianotti, Via Antonio Rosmini 46, Tel
0461 658865 38030 Rovere Della Luna (TN)
Date e orario. 16 ore totali, 2 giorni. Primo giorno: 9.30-13.30 e 14.30-18.30; secondo
giorno 9.00-13.00 e 14.00-18.00
Argomento delle giornate.
?Sistemi di autocostruzione ed uso di un tavolo aspirante (T.A.) in plexiglas
?Costruzione ed uso di attrezzatura per il leaf-casting (reintegrazione meccanica con fibra di
carta).
?L'uso del T.A. per la pulitura e la foderatura di supporti cartacei.
?Il tiraggio e spianamento della pergamena su T.A.
?L'uso del cuneo aspirante nel restauro a libro montato.
?Il restauro delle legature in brossura con l'ausilio di T.A.
Numero massimo di partecipanti. 15
Costo e modalit? d?
iscrizione. Quota individuale di partecipazione: 200 Euro comprensivo
di IVA, o 180 Euro comprensivo di IVA per i soci Cesmar7 regolarmente iscritti al momento
della pubblicazione di questa informativa. Sar? rilasciata regolare fattura.
Per prenotare le iscrizioni contattare il CESMAR7: cesmar7@cesmar7.it, segreteria
telefonica 348 321 2820. Per essere confermate, le iscrizioni dovranno essere convalidate
dal
versamento della quota, secondo le modalit? sotto indicate, entro venerd? 13 Novembre
2009.
Il pagamento, indicante la causale ? 09011?deve essere effettuato tramite versamento su
cr
c/c 000001170189, intestato a Centro per lo Studio dei Materiali per il Restauro 7, presso
UniCredit Banca SpA, Agenzia Verona Valdonega, Via Marsala 15, 37128 Verona. IBAN:
IT58D 02008 11732 000001170189; BIC SWIFT: UNCRIT B1S11. Si prega di specificare il
nome della persona che parteciper? al corso, se diversa da quella che effettua il
versamento, e
di contattare comunque il Cesmar7 per confermare la partecipazione al corso e comunicare
la data dell?
avvenuto versamento e i dati necessari per la fatturazione.
Informazioni per i partecipanti. I partecipanti devono assicurare la disponibilit? di opere a
stampa o disegni che presentino macchie, gore o lacune che necessitino integrazione;
coperte
o documenti membranacei. Volumi con coperta in brossure.
Si rilascia attestato di frequenza.

ABEI- Associazione dei Bibliotecari Ecclesiastici Italiani

ABEI- Associazione dei Bibliotecari Ecclesiastici Italiani

L'Associazione dei bibliotecari ecclesiastici italiani terrà a Reggio
Calabria, il 14-16 dicembre 2009, un Corso sulla manutenzione e
conservazione del libro, soprattutto antico.
Il corso intende fornire una conoscenza di base delle metodologie per
un corretto approccio al libro e delle tecniche per evitare il degrado
del materiale bibliografico più fragile e sovente prezioso. Accanto alla
parte teorica si svolgeranno esercitazioni pratiche durante le quali i
volumi saranno analizzati individualmente nella struttura e nel
comportamento biochimico, per l'individuazione delle cause di
deterioramento attraverso le ripercussioni rilevabili sulle componenti
materiali e le modificazioni attuate dagli agenti di degrado. Si
compileranno inoltre schede catalografiche e di progetto attraverso
l'analisi dei manufatti, le proposte d'intervento di restauro con la
determinazione delle metodologie, dei materiali, dei tempi e dei costi
di ogni specifica operazione secondo gli standard nazionali previsti dal
Ministero BAC.

venerdì, ottobre 30, 2009

L?Aquila: Quei 52 libri antichi in mezzo ai surgelati

L?Aquila: Quei 52 libri antichi in mezzo ai surgelati
Pubblicato il 30 ottobre 2009

Sono 52 volumi, risalenti al XVII-XVIII secolo. Scritti sui profeti, vite di santi, esercizi spirituali, come si conviene alla biblioteca di un convento, come quello di Santa Chiara dell?Aquila. Pezzi pregiati finiti tra le macerie col terremoto del 6 aprile e recuperati dopo un paio di giorni dai volontari di Legambiente, quando gi? versavano in un gravissimo stato di conservazione, completamente intrisi dall?umidit? delle rigide notti ai piedi del Gran Sasso. Come prevede la procedura, i libri sono stati schedati, sigillati in buste di plastica e congelati, per rimuovere l?acqua contenuta all?interno senza danneggiare la carta. Ma siccome la distruzione nel capoluogo abruzzese era pressoch? totale, i pregiati volumi sono finiti in un freezer comune, un pozzetto per gelati nella cucina della caserma della Finanza a Coppito. L? sono rimasti un mese e mezzo. Poi, passata l?emergenza, sono stati portati a Roma. Ma dal momento che nessuna struttura afferente al ministero dei Beni culturali dispone di celle frigorifere, i volumi sono stati portati sulla Tiburtina nel deposito romano della Bofrost, azienda attiva nella consegna a domicilio dei prodotti surgelati.

Dove gli ?Esercizi spirituali? di padre Agostino da Fusignano e il ?De officio subditi regularis? di Laurentius Peyrinis ?convivono? sotto zero e avvolti nel Domopak assieme a bastoncini di merluzzo, patatine e frutti di mare. E dove rimarranno finch? l?Icpal (Istituto centrale per il restauro e la conservazione del patrimonio archivistico e librario) che li ha presi in carico non trover? una soluzione. ?La pelle delle copertine non permette di passare dal congelamento alla liofilizzazione, come accade per recuperare i libri moderni - spiega al VELINO la direttrice Armida Batori, che ha presentato oggi i risultati del lavoro al Salone dell?Arte e del Restauro di Firenze nel corso del convegno ?Sisma in Abruzzo: il recupero del patrimonio culturale? -. I nostri laboratori stanno studiando un progetto pilota che prevede uno scongelamento controllato per evitare danni, una sorta di asciugatura forzata ma controllata?. Nel frattempo i due bancali contenenti i 52 libri antichi restano a via Fontana Zoe, in un angolo del magazzino della Bofrost, che in Germania aveva gi? messo a disposizione un deposito per una biblioteca danneggiata dall?esondazione dell?Elba nel 2002. Anche perch? il rapporto con l?istituto del Mibac funziona talmente bene che l?Icpal sta pensando a siglare un accordo formale per fronteggiare eventuali future emergenze.

fonte dati: Il Velino

martedì, ottobre 27, 2009

le collezioni danneggiate dall'acqua

ecco il mio intervento al convegno di torino sulla gestione delle emergenze

programma interventi di Firenze

Risultati della ricerca - Elencati a partire da oggi meno di un minuto - Forum Restauro @ Conservazione: "Potete scaricare il programma degli incontri organizzati dalla Nardini (fra questi il nostro) alla pagina:
http://www.forum-restauro.org/blahdocs/uploads/progr_tutto_safi_09_9583.pdf"

martedì, ottobre 20, 2009

Forum Restauro @ Conservazione - Forum Restauro @ Conservazione

Forum Restauro @ Conservazione - Forum Restauro @ Conservazione: "FORUM RESTAURO @ CONSERVAZIONE
INCONTRO ANNUALE A FIRENZE
Sabato 31 ottobre 2009 h 15,30

Tema dell'incontro:
'Tecniche di restauro di massa applicate agli inchiostri'
Gli inchiostri neri dei manoscritti: introduzione storica e descrizione di alcune tecniche per il trattamento di grandi quantità di materiali.
A cura di Enrico Flaiani

Vai al modulo di contatto per prenotare

giovedì, ottobre 15, 2009

mercoledì, ottobre 14, 2009

La prevenzione del degrado: la buona manutenzione del patrimonio bibliografico

Codice: TDB1012
Regione: Toscana
Provincia: Siena
Comune: Siena
La prevenzione del degrado: la buona manutenzione del patrimonio bibliografico
Sede: Biblioteca comunale degli Intronati - Sala Storica
Indirizzo: Via della Sapienza 5 53100 - Siena
Orario:
Prenotazione obbligatoria: SI
Accessibilit?: Accessibile ai disabili
23/10/2009
Organizzatore principale Biblioteca comunale degli Intronati - Sala Storica
Promotore principale Regione Toscana
Descrizione
Seminario di approfondimento sulle tematiche della salvaguardia e sui primi interventi di restauro destinati ai beni librari.
Tipologia dell'evento: Convegni, congressi e conferenze
Target: Tutti;
Info 0577 282972 int. 50 antico@biblioteca.comune.siena.it www.biblioteca.comune.siena.it

giovedì, ottobre 08, 2009

Salone dell'Arte e del Restauro di Firenze

Salone dell'Arte e del Restauro di Firenze

Shared via AddThis
Qualifica Restauratori Beni Culturali

Gmail - Scuola regionale di conservazione e restauro - Inaugurazione IV anno formativo - alesido@gmail.com

"Il giorno 19 ottobre 2009, presso l’aula conferenze di Villa Manin di Passariano, avrà luogo l’inaugurazione del IV anno formativo del VI Ciclo di studi della Scuola regionale di conservazione e restauro dei beni culturali (Corso quinquennale per restauratore di beni culturali con specializzazione in beni librari, documentari e opere d’arte su carta).



Programma



Ore 14.30 Presiede

ROBERTO MOLINARO

Assessore regionale all’istruzione, formazione e cultura



Introduce

ALESSANDRO GIACOMELLO

Direttore dei corsi di restauro della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia



Interventi

CRISTINA BENUSSI

Comitato di Consulenza Scientifica della Scuola regionale di restauro

Università degli Studi di Trieste



CATERINA FURLAN

Comitato di Consulenza Scientifica della Scuola regionale di restauro

Università degli Studi di Udine



MASSIMO BONELLI

Istituto Superiore per la Conservazione ed il Restauro



CECILIA PROSPERI

Istituto Centrale per il Restauro e la Conservazione del Patrimonio Archivistico e Librario



Alle ore 15.30 si terrà la lectio magistralis del Cardinale RAFFAELE FARINA, Archivista e Bibliotecario di Santa Romana Chiesa, dal titolo:

La Biblioteca Apostolica Vaticana e la conservazione del libro



ORE 16.30 Visita ai laboratori di restauro



Segreteria Scuola regionale di conservazione e restauro

Centro di catalogazione e restauro dei beni culturali del Friuli Venezia Giulia

Villa Manin di Passariano - Esedra di ponente

33033 Passariano di Codroipo (UD)

Tel. 0432 824140; Fax. 0432 905147"

Gmail - Roma 24 ottobre - Manifestazione nazionale restauratori - alesido@gmail.com

"FROM: Fillea Restauro Nazionale Cgil

ROMA 24 OTTOBRE - ASSEMBLEA (manifestazione) NAZIONALE RESTAURATORI

è il momento di farci vedere..da tutta italia, che ci siamo, quanti
siamo e per presentare alla stampa la petizione al Presidente della
Repubblica e le nostre richieste...
adesso o mai più .....partecipiamo tuttiiiii!si organizzano
pullman ,biglietti treno, macchine, etc
PRENOTATEVI SUBITO ..così riusciamo ad organizzarci via mail -
FILLEARESTAURO@FILLEACGIL.IT- o contattando dIrettamente le strutture
nei vari territori: nome, cognome e luogo di partenza (sarete
ricontattati per la logistica dettagliata)

'I FANTASMI DEI CANTIERI'

PER L'ASSEMBLEA DEL 24 OTTOBRE A ROMA STIAMO ORGANIZZANDO UNA MOSTRA
FOTOGRAFICA IN CUI I PROTAGONISTI SIAMO NOI..CIOè VORREMMO ESPORRE
FOTO DI CANTIERE, TESTIMONIANZA DELLA NOSTRA PRESENZA IN MIRIADI DI
CANTIERI PER LAVORI DI RESTAURO.CE LE INVIATE? CON IL NOME E IL
POSTO...E NOI LE STAMPEREMO.

INVIARE A FILLEARESTAURO@FILLEACGIL.IT ENTRO IL 15 OTTOBRE."

venerdì, ottobre 02, 2009

Gmail - [PAC-LIST] Conference: "Water Impact on Library, Archival and Museum Materials", Prague, Czech Republic, October 29-31, 2009 - alesido@gmail.com

Gmail - [PAC-LIST] Conference: "Water Impact on Library, Archival and Museum Materials", Prague, Czech Republic, October 29-31, 2009 - alesido@gmail.com: "The National library of the Czech Republic, the National Archives of the Czech Republic in cooperation with IFLA-PAC core activity are pleased to announce the 'Water Impact on Library, Archival and Museum Materials' conference held in Prague on October 29-31, 2009.

This conference is part of the cycle initiated by IFLA-PAC Core activity focusing on cultural heritage preservation and the four elements, Air, Water, Fire and Earth. The first conference on Air was held at the Bibliothèque nationale de France on March 5-6, 2009. The second one, in Prague, is dedicated to the possible dangers due to water hanging over cultural heritage.

You can find the draft programme at:
http://www.ifla.org/files/pac/programme_eau_prague.pdf

Registration is free of charge due to the support of Czech ministry of Culture.

To register: http://www.nkp.cz/water_impact_2009/index.htm

Best regards

Flore Izart
IFLA-PAC Programme Officer
Bibliothèque nationale de France
Paris
33 (0)1 53 79 59 71"

martedì, settembre 29, 2009

Archivio di Stato di Piacenza - Resoconto della giornata di approfondimento: Prevenire per conservare

Archivio di Stato di Piacenza - Resoconto della giornata di approfondimento: Prevenire per conservare: "Resoconto della giornata di approfondimento: Prevenire per conservare
Momeliano, comune di Gazzola

* Galleria di immagini relative alla giornata di approfondimento Prevenire per conservare


Di seguito pubblichiamo le relazioni in formato PDF relative alla Giornata di approfondimento che i relatori ci hanno gentilmente concesso. Poichè contengono molte immagini i documenti sono stati compressi per facilitarne il download penalizzando però la nitidezza. Sulla nostra pagina in YouTube abbiamo pubblicato anche alcuni contributi audio dividendoli in più parti quando maggiori di 10 minuti. Per motivi tecnici non abbiamo inserito tutti i contributi.
Consigliamo anche la lettura dell'articolo del quotidiano Libertà uscito all'indomani della manifestazione: 'Archivi, come salvarli' (PDF 338 Kb).
Interventi
Saluti dell'assessore Paolo Dosi e del Prof. Piero Cravedi, direttore del CPBC - Università Cattolica del Sacro Cuore ;
Saluti del dr. Gilberto Zacchè , Soprintendenza Archivistica per l’Emilia-Romagna
Saluti della dr.ssa Rosaria Campioni (1. parte, 2. parte), Soprintendenza per i beni librari e documentari della Regione Emilia-Romagna

1.
Insetti della carta e tipologie di danni, di Elisabetta Chiappini e Elena Ruschioni, (PDF 2605 Kb), (contributo audio 1. parte; 2. parte);
2.
Specie fungine associate alla carta, di Giorgio Chiusa, (PDF 2555 Kb), (contributo audio non disponibile);
3.
Microclima e microrganismi: importanza del monitoraggio, di Mariasanta Montanari, (PDF 2180 Kb), (contributo audio 1. parte; 2. parte);
4.
Monitoraggio degli insetti, di Cristina Reguzzi e Alessia Berzolla, (PDF 1167 Kb); (contributo audio 1. parte; 2. parte; 3. parte);
5.
Metodi di monitoraggio di funghi deteriogeni delle carte e del legno, (PDF 1. parte, 1661 Kb; 2. parte, 1054 Kb; 3. parte, 1405 Kb) di Corrado Fanelli e Flavia Pinzari, (contributo audio 1. parte; 2. parte);
6.
La prevenzione negli archivi, di Francesca Boris, (PDF 1083), (contributo audio non disponibile);
7.
Prevenzione e conservazione del materiale bibliografico: l'esperienza dell'Università degli Studi di Bologna, di Federica Rossi, (PDF 1302 Kb), (contributo audio non disponibile);
8.
La progettazione degli spazi per una corretta prevenzione, di Daniela Fabiani, (PDF 2340 Kb), (contributo audio non disponibile);
9.
A mali estremi, estremi rimedi. Valutare e intervenire in un archivio, di Anna Riva, (PDF 803 Kb), (contributo audio 1. parte; 2. parte);
10.
Manutenzione e conservazione, di Pietro Livi (contributo audio 1. parte; 2. parte)."

lunedì, settembre 28, 2009

CULTURA: DAL 1° OTTOBRE 'PIOVONO LIBRI' ANCHE A VENEZIA - Adnkronos Cultura

CULTURA: DAL 1° OTTOBRE 'PIOVONO LIBRI' ANCHE A VENEZIA - Adnkronos Cultura: "CULTURA: DAL 1° OTTOBRE 'PIOVONO LIBRI' ANCHE A VENEZIA
ultimo aggiornamento: 25 settembre, ore 11:59
commenta commenta 0 vota vota 2 invia stampa
Facebook Viadeo OkNotizie Segnalo Wikio Friendfeed
Venezia, 25 set. (Adnkronos) - Anche quest'anno la Biblioteca Nazionale Marciana di Venezia aderisce alla manifestazione nazionale ''Ottobre, piovono libri 2009. I luoghi della lettura''. Il suo programma prendera' il via giovedi' 1° ottobre alle 17, nell'Antisala della Libreria Sansoviniana del capoluogo veneto con la presentazione dei volumi editi da Nova Charta nel 2009 nella collana ''Quaderni di restauro'': 'Appunti di viaggio' di Vincenzo Scamozzi e 'Carte scoperte' di Leonardo Granata con saggi di Riccardo Battocchio. Maria Letizia Sebastiani (direttore della Biblioteca Marciana) introduce gli interventi di Gianfranco Malafarina (direttore della Collana), Renato Zironda, Margherita Errera, Carlo Federici, Melania Zanetti. Sara' presente l'editore Vittoria de Buzzaccarini. I ''Quaderni di restauro'' raccolgono una completa documentazione illustrata sugli interventi di restauro effettuati nell'ambito del progetto 'Salviamo un Codice': codici, manoscritti, legature e rarita' bibliografiche restaurati ogni anno per iniziativa della casa editrice Nova Charta e della rivista ''Alumina. Pagine miniate''."

venerdì, settembre 25, 2009

Rai.it - Presadiretta

dovrebbero parlare anche della qualifica di restauratore !
raitre domenica ore 21


Rai.it - Presadiretta: "Oro buttato
In onda domenica 27 settembre 2009 alle 21.00

Il patrimonio storico artistico italiano è il più importante del mondo. Da Nord al Sud non c’è angolo d’Italia senza un vero e proprio tesoro. Come lo trattiamo? Sappiamo conservarlo, valorizzarlo e promuoverlo? I nostri siti archeologici, i musei e i monumenti sono una vera e propria risorsa economica. Lo stato sfrutta adeguatamente il nostro patrimonio anche per creare posti di lavoro?"

Conseguimento delle qualifiche professionali di restauratore di beni culturali

Conseguimento delle qualifiche professionali di restauratore di beni culturali: "Conseguimento delle qualifiche professionali di restauratore di beni culturali
principale

E’ indetto un bando di selezione pubblica per il conseguimento delle qualifiche professionali di restauratore di beni culturali, nonché di collaboratore restauratore di beni culturali. Il conseguimento della qualifica di restauratore di beni culturali, in esito all’espletamento delle procedure previste dal presente bando, determina la possibilità di eseguire gli interventi di manutenzione e restauro su beni culturali mobili e superfici decorate di beni architettonici, riservati ai soggetti in possesso della predetta qualifica. La domanda va presentata entro il 31 dicembre 2009, esclusivamente in via telematica.

Documentazione:

Il Bando Il Bando
(documento in formato doc,peso71Kb)


Link:

Link www.restauratori.beniculturali.it"

lunedì, settembre 21, 2009

Si pubblica l'addendum alle linee guida applicative della disciplina transitoria degli operatori del restauro



Documentazione:

Circolare n. 36 del 21 settembre 2009 - Segretariato Generale MiBAC
(documento in formato pdf,peso82Kb)
http://www.beniculturali.it/mibac/multimedia/MiBAC/documents/1253542756718_Circolare36_2009.pdf

martedì, settembre 08, 2009

Mappatura delle arti applicate - Marilena Ferrari-FMR

vi segnalo questo sito, è la fondazione Marilena Ferrari da cui sono stati comprati libri su Canova da Berlusconi per donarli al G8. Le legature rendono l'idea di quanto ormai si sia perso dell'arte della legatoria. Sono in effetti quanto di più pacchiano abbia mai visto in vita mia. Vi raccomando la visione del video, è un riassunto delle tecniche meno conservative in assoluto. Tanto per dire quello donato era del peso di 25 kg ! Dubito che sia un investimento che possa durare nel tempo...
ben spesi i 460000 dollari del prezzo non c'è che dire...

Mappatura delle arti applicate - Marilena Ferrari-FMR: "Mappatura delle arti applicate
Per un'opera d'Arte totale in forma di libro
Arti applicate
Maestri

*
Arti dell'Editoria
*
Arti Grafiche
*
Arti Pittoriche
*
Arti della Fotografia
*
Arti Scultoree
*
Arti della Carta
*
Arti della Tessitura
*
Arti dei Materiali Preziosi
*
Arti del Metallo
*
Arti della Ceramica
*
Arti del Legno
*
Arti della Legatura
*
Arti del Cuoio e delle Pelli
*
Arti della Pietra
*
Arti del Vetro

Legatori
Legatori
Tecniche
Legatoria
Legatura a mano
Imbrachettatura
Americana
Orientale
A cartella
Brossura flessibile"

lunedì, settembre 07, 2009

Sito Ufficiale della Regione Piemonte - Piemonteinforma - I beni librari

Sito Ufficiale della Regione Piemonte - Piemonteinforma - I beni librari: "I beni librari
Rischi, emergenze, prevenzione e conservazione
Incontro di aggiornamento per bibliotecari organizzato dalla Soprintendenza Beni Librari
torino - Centro Incontri della Regione Piemonte
13-14 ottobre 2009

Il patrimonio delle biblioteche si trova spesso in situazioni di rischio, siano esse dovute ad eventi naturali o all’azione dell’uomo: saper prevenire e far fronte a tali eventi è una necessità imprescindibile per chi opera in biblioteca.

L’incontro organizzato dalla Soprintendenza Beni Librari della Regione Piemonte intende affrontare il tema della tutela delle raccolte sotto molteplici punti di vista. Durante l’evento, articolato in due giornate, verranno affrontati – con esempi pratici e analisi di casi – i seguenti temi:

* rischi ed emergenze (incendi, furti, danni dovuti all’acqua e al biodeterioramento): come agire in tali situazioni;
* i piani di emergenza;
* la prevenzione: il controllo ambientale e il progetto di conservazione;
* aspetti legislativi: l’affidamento di lavori e servizi in biblioteca;
* esperienze dirette di grandi emergenze: i casi dell’Abruzzo e della Biblioteca Nazionale di Torino.

I temi sono trattati da esperti provenienti da realtà statali e regionali e dal mondo universitario, in un confronto di esperienze e competenze che costituisce un momento importante di aggiornamento ed arricchimento per tutti coloro che operano all’interno delle biblioteche.

L’incontro è rivolto in particolare al personale di tutte le biblioteche del Piemonte che conservano fondi bibliografici antichi, rari e di pregio (antichi e moderni), libri e stampe di interesse culturale e a chi a vario titolo si occupa di conservazione di beni librari; la Soprintendenza Beni Librari consiglia vivamente la partecipazione al personale delle biblioteche suddette poiché le tematiche trattate dovrebbero far parte del quotidiano agire per la tutela della raccolte. La partecipazione delle altre biblioteche, qualora interessate, sarà accettata nei limiti dei posti disponibili.

La partecipazione è gratuita ma è necessaria l'iscrizione da effettuarsi compilando l'apposito modulo, che dovrà pervenire alla Soprintendenza Beni Librari entro il 30 settembre.
Il modulo compilato potrà essere inviato via mail, fax o posta.

E' previsto attestato di partecipazione per gli interessati (barrare l'apposita casella nel modulo di iscrizione).

Per maggiori informazioni:
Soprintendenza Beni Librari
via Bertola, 34
10122 Torino
tel: 011 4321561
fax: 011 4324427
e-mail:soprintendenza.benilibrari@regione.piemonte.it
coordinamento: Maria Luisa Russo 011 4326032"

giovedì, settembre 03, 2009

Egitto, scoperto in una biblioteca un frammento della Bibbia più antica - esteri - Repubblica.it

Egitto, scoperto in una biblioteca un frammento della Bibbia più antica - esteri - Repubblica.it: "Egitto, scoperto in una biblioteca
un frammento della Bibbia più antica
Il pezzo del Codex Sinaiticus era nascosto in un volume del 18° secolo custodito
nel monastero di Santa caterina sul Sinai ed è stato riconosciuto da un ricercatore greco

Egitto, scoperto in una biblioteca un frammento della Bibbia più antica
IL CAIRO - Uno studente greco, alle prese con le ricerche per il suo dottorato, ha scoperto in Egitto un frammento disperso della Bibbia più antica finora conosciuta. Il frammento del Codex Sinaiticus, il manoscritto considerato la Bibbia più antica ancora esistente, è stato trovato al monastero di Santa Caterina sul Sinai, in Egitto, uno dei luoghi dove le pergamene del manoscritto del IV secolo D.C. sono custodite. Era stato riciclato per la rilegatura di un volume del 18° secolo da due monaci che non riuscivano a procurarsi dell'altra pergamena, ed era scomparso.

Nikolas Sarris, uno studente greco che sta completando il suo dottorato in Gran Bretagna, ha riconosciuto per caso il frammento della Bibbia del Sinai mentre esaminava una serie di fotografie di manoscritti presso la biblioteca del monastero. Le pergamene della Bibbia del Sinai sono ripartite tra il monastero di Santa Caterina sul Sinai in Egitto, la Biblioteca Russa di San Pietroburgo, la British Library di Londra e la Biblioteca dell'Università di Lipsia in Germania e di recente sono state digitalizzate e messe online in un progetto al quale hanno preso parte esperti provenienti dai quattro Paesi.

Sarris ha collaborato alla digitalizzazione per la British Library ed è perciò stato in grado di riconoscere all'istante il pezzo di manoscritto. 'E' stato un momento molto emozionante. Anche se non è la mia specializzazione, avevo lavorato al progetto online e il Codex mi era rimasto impresso nella memoria. Ho controllato l'altezza delle lettere e delle colonne e in breve ho realizzato che avevo davanti una parte mai vista del Codex'.

Lo studioso ha quindi contattato Padre Justin, il bibliotecario del monastero, che ha confermato che si trattava di un pezzo di pergamena appartenente all'antica Bibbia che corrisponderebbe al capitolo 1 e al verso dieci del libro di Giosuè. Solo una parte del frammento trovato da Sarris è visibile sulla superficie della rilegatura, ma altre parti potrebbero essere nascoste negli strati inferiori. La biblioteca di santa Caterina non ha gli strumenti necessari per esaminare la rilegatura senza danneggiare la pergamena ma, ha sottolineato Padre Justin, potrebbe presto dotarsi delle tecnologie adatte."

lunedì, agosto 31, 2009

«Libri capolavoro in pericolo ma mancano i fondi» - Milano - ilGiornale.it del 22-08-2009

«Libri capolavoro in pericolo ma mancano i fondi» - Milano - ilGiornale.it del 22-08-2009: "Libri capolavoro in pericolo ma mancano i fondi»
di Lucia Galli



Tre anni. Sembrano nulla per un libro che ha attraversato i secoli. Ma per un uomo sono sufficienti a sentirsi con le mani legate: risale infatti all’inizio del 2007 un elenco di interventi di restauro, urgenti già all’epoca, cui gli uffici della Sovrintendenza non riescono, ancora oggi, a dare il via. Diminuite le risorse, duplicate le procedure, per non parlare dei bandi, così complicati che spesso molte biblioteche gettano la spugna e non vi partecipano nemmeno. Ornella Foglieni, dirigente della Sovrintendenza per i Beni librari, è un po’ la memoria storica degli uffici che dal 1972 si prendono cura delle oltre 200 biblioteche lombarde, fra fondi storici, biblioteche pubbliche e private ma di interesse locale. E dagli scaffali estrae un faldone alto così: «Brera richiede un intervento sui volumi dell’800 e del 900 - spiega Foglieni -, queste sono le richieste del Conservatorio, queste vengono invece dalla Sormani: a chiedere un piccolo «lifting» sono edizioni di Leopardi, una Ventisettana dei Promessi Sposi, alcune copie della Historia di Corio e un’edizione settecentesca del Machazor ebraico. Non sempre sono libri che «fanno notizia», ma di sicuro sono libri in pericolo». E allunga un elenco che farebbe la felicità di ogni bibliofilo
Incunaboli, cinquecentine con opere o compendi di Cicerone e Tommaso D’Aquino: nella relazione vedo carte corrose, danno biochimico e gore d’acqua. A occhio e croce questi libri non se la passano bene
«Queste sono le richieste della società Storica Lombarda di via Morone: c’è una bibbia latina del 1498 con legatura rovinata e da sottoporre a deacidificazione. Poi un compendio di Cicerone del 1550 con nervature spezzate. Nel 2007 le biblioteche mi hanno mandato i loro desiderata, seguendo una circolare che stabiliva le nuove regole per accedere ai finanziamenti. Ma da allora non abbiamo potuto evadere nessuna richiesta»
Perché?
«Perché le priorità sono state altre, per esempio l’organizzazione museale, e perché fino al 2002 c’era una programmazione annuale degli interventi. Oggi invece si prosegue per bandi. Inoltre il settore Beni librari converge insieme ad altri in un più ampio settore di Diffusione dei saperi»
Un vecchio refrein: un quadro da restaurare fa più notizia di un libro, ma a che «priorità» avete potuto provvedere?
«Per i quadri è più facile trovare uno sponsor, in questi anni abbiamo restaurato il deposito legale di Lachiarella e siamo intervenuti sul Fondo Roncalli di Vigevano»
Com’è cambiato il budget nel tempo?
«In linea generale c’era un budget di circa 200 milioni di lire che si quadruplicava se si includevano anche gli interventi di tutela».
Già, la tutela: il «Codice» varato nel 2004 dall’allora ministro Urbani lascia la tutela a mezza via fra Stato e Regioni: è un nodo irrisolto che vi da problemi?
«Il presidente Formigoni si è battuto da subito e poi insieme all’assessore Zanello per far trasferire completamente la tutela alle regioni. Questo ci permetterebbe di lavorare meglio. Alcuni beni non si inquadrano in una sola categoria: una carta geografica è una stampa, un manoscritto o entrambe le cose? Nel dubbio spesso nessuno se ne occupa. Il Codice intendeva creare uffici ad hoc che si occupassero per esempio di fotografie, di spartiti. Ma il quadro normativo è rimasto incompiuto»"

mercoledì, agosto 19, 2009

UHF Conan The Librarian

anche meglio di super librarian

mercoledì, agosto 12, 2009

Circolare 35/2009 - Disciplina transitoria degli operatori di restauro. Linee guida applicative

Circolare 35/2009 - Disciplina transitoria degli operatori..

ecco la circolare tanto agognata ora la leggiamo e poi ne parleremo
ciao a tutti e buone vacanze

Circolare 35/2009 - Disciplina transitoria degli operatori di restauro. Linee guida applicative
Pubblicato con Flock

giovedì, agosto 06, 2009

Sesame Street: Papermaking Class

Grazie a Simona Inserra per aver scovato anche questo video

mercoledì, agosto 05, 2009

4/08/2009
Gli archivi dopo il terremoto: monumenti salvati e da salvare di Giancarlo Pelagatti

nuovo-archivio-di-statoAccanto al dolore che ha accompagnato il sisma del 6 aprile, esiste la questione legata al recupero delle architetture-simbolo dell’Abruzzo. Il problema non tanto per l’edilizia monumentale e le chiese, già entrati tra “i monumenti da salvare”, quanto per il patrimonio minore, dei tessuti storici dei borghi, non tutelati dalla legislazione vigente e a rischio di cancellazione, se dovesse prevalere lo sconsiderato criterio della demolizione-sostituzione.
Né si possono trascurare quei particolari ‘monumenti’ costituiti dagli archivi storici, insostituibili risorse per la preservazione degli altri beni culturali. La nostra memoria, collettiva e individuale, passa anche attraverso le carte, oltre che per le opere d’arte e i monumenti.
Gravemente distrutto dal sisma è il Palazzo del Governo, in cui aveva sede l’Archivio di Stato. All’interno fondi archivistici di straordinaria importanza, dalle pergamene ai catasti antichi, dall’archivio civico aquilano alle carte del processo del Vajont. Preziosa documentazione, ora in salvo, grazie anche ai volontari di Italia Nostra impegnati nel salvataggio.
Oggi, con l’inaugurazione della nuova sede, un primo segno di rinascita della città.
L’Archivio riapre, all’Aquila, rimettendo a disposizione la memoria storica, compresa quella del terremoto del 1703 e la documentazione urbanistica, che diverranno di grande utilità ai fini della ricostruzione.
Adesso si passa al restauro e a una nuova catalogazione delle fonti, per rendere nuovamente fruibile il prezioso patrimonio: interventi a cui sono destinate le donazioni che Italia Nostra, circa 16000 euro, ha ricevuto e che riceverà.
In arretrato, invece, è il lavoro di rilevazione dei danni agli archivi dei 49 comuni colpiti dal sisma, a cui si ricollega il progetto che vede Italia Nostra come ente proponente, dal titolo “Gli archivi storici d’Abruzzo. Recupero di memorie e identità”, con la collaborazione scientifica dell’Istituto Centrale per il Restauro e la Conservazione del Patrimonio Archivistico e Librario e il patrocinio del MIBAC.

Giancarlo Pelagatti è presidente del Consiglio Regionale Abruzzo di Italia Nostra
Pelagatti Giancarlo

martedì, luglio 28, 2009

The FUNdamentals of Book Care in 5 Easy Lessons

E-book to flat-back (Part 1) - CaiLun.info - Handmade Artist Books Journals Albums Paper & Bookbinding Blog - Cai Lun - Dennis Yuen

E-book to flat-back (Part 1) - CaiLun.info - Handmade Artist Books Journals Albums Paper & Bookbinding Blog - Cai Lun - Dennis Yuen: "E-book to flat-back (Part 1)
I’ve got a new project: to bind an e-book that I borrowed from the New York Public Library into a flat back that I can carry around and flip through physically.

I borrowed a Japanese vocabulary book from NYPL's digital collection. With “Adobe Digital Editions,” I could read it on the computer; but for a vocabulary book, I really want to carry it around and flip through it whenever and wherever I can.
Adobe Digital Editions

Because the book is in fact a scanned version, it isn’t ideal to port it onto my Kindle. Luckily, this book is fully printable. So I decided to recreate a printed version of the book, fully bound and cased. After a few trials, I got the printing right and here is how I prepare my signatures:
“Sizing-up” the pages
The dimensions of the pages are 4'x6'. I first 'printed' (exported) all the pages of the book from the special Adobe reader into a single PDF, then enlarged the page-size by re-printing it into another PDF of 5.5'x8.5' (half-letter).

Digital sections
In order to print the pages in 2-up, I needed to create 1 PDF per section, so that I can layout the pages correctly. There are 148 pages"

ICPAL - Istituto centrale per il restauro e la conservazione del patrimonio archivistico e librario

ICPAL - Istituto centrale per il restauro e la conservazione del patrimonio archivistico e librario: "Conferenza satellite IFLA 2009
Roma, 31.08.2009 - 01.09.2009

In concomitanza con la 75°edizione del Congresso mondiale dell’IFLA, che si terrà a Milano dal 23 al 27 agosto 2009, l’Istituto ha il piacere di ospitare una conferenza satellite organizzata dall'IFLA Preservation and Conservation Section e dall’IFLA PAC-Core program.



Il titolo della conferenza è: Conservation and preservation of library material in a cultural-heritage oriented context.



ICPAL, Sala Conferenze
link utili

* vai al sito dell'IFLA Preservation and Conservation Section
* vai al sito dell'IFLA – PAC Core activity"

salvaschermo sulla manipolazione dei materiali librari

è disponibile on line dal sito di patologia il salvaschermo sulla manipolazione dei materiali librari, può essere un sistema economico per l'educazione di personale e utenti, fatene buon uso !


scarica il salvaschermo

ICPAL - Istituto centrale per il restauro e la conservazione del patrimonio archivistico e librario

On line il Capitolato speciale tecnico tipo per il restauro del libro e del documento con smontaggio


ICPAL - Istituto centrale per il restauro e la conservazione del patrimonio archivistico e librario

sabato, luglio 04, 2009

THE ADVENTURES OF Super Librarian

sabato, giugno 27, 2009

Percorsi Didattici Alla Scoperta Del Libro Antico 2009

Check out this SlideShare Presentation:

Library Disasters

Check out this SlideShare Presentation:

giovedì, giugno 11, 2009

Il Codice di Leonardo torna al ’500 - Milano

Il Codice di Leonardo torna al ’500 - Milano: "le carte usciranno dall’Ambrosiana e gli studiosi potranno esaminarle
le carte usciranno dall’Ambrosiana e gli studiosi potranno esaminarle
Il Codice di Leonardo torna al ’500
Terminata la «sfascicolatura» dei volumi. «I fogli singoli si conservano meglio»

Le benedettine di Viboldone al lavoro per la sfacicolatura del Codice
Le benedettine di Viboldone al lavoro per la sfacicolatura del Codice
MILANO — Da pochi giorni nel caveau della Biblioteca Ambrosiana di Milano le benedettine di Viboldo­ne hanno terminato la sfascicolatu­ra del Codice Atlantico di Leonardo. Dopo la notizia di presunte muffe di un paio d’anni fa, il lavoro delle suo­re è subito cominciato, svolgendosi sotto il controllo dell’Istituto Nazio­nale di Patologia del Libro, della Commissione Vinciana e con il so­stegno delle analisi effettuate alla Sapienza di Roma. I prelievi alle carte hanno escluso aggressioni biologiche. La presenza di macchie nerastre, che fece il giro del mondo, rilevate in alcuni casi non sui disegni del Codice bensì sul supporto cartaceo esterno (che ha una quarantina d’anni), è stata attri­buita a «ingenti quantitativi di mer­curio».

Il Codice Atlantico è come se tor­nasse alla sua origine, agli anni di fine Cinquecento nei quali Pompeo Leoni, scultore prediletto di Filippo II di Spagna, riuscì a radunare una cinquantina di manoscritti vinciani che variavano dagli «in folio» ai pic­coli taccuini d’appunti. Accanto ai volumi, a quaderni e brogliacci, l’ar­tista possedeva anche circa duemila fogli isolati di varia grandezza, con disegni accurati e rifiniti insieme ad appunti frettolosi e disorganici, nonché a fogli riutilizzati in quanto già scritti da altri. Per dare unità fisica e omogenei­tà a questo materiale, Leoni lo fissò su due grossi album. In uno riunì i disegni artistici, compresi quelli di anatomia, corredandoli di didasca­lie; da questo volume, divenuto in seguito proprietà della Casa Reale d’Inghilterra, nel secolo XIX ciascun foglio fu staccato, nu­merato e montato sin­golarmente. Attualmen­te vengono citati come i «Fogli di Windsor», prendendo il nome dal castello reale ove sono conservati.

Una pagina del Codice Atlantico
Una pagina del Codice Atlantico
Nell’altro, invece, raccolse i dise­gni di macchine e note di vario argomento, pre­valentemente di caratte­re meccanico e geome­trico, costituendo il Codice Atlanti­co, che finì per una donazione in Ambrosiana. Lo stesso fu rubato nel mese di «fiorile» del 1796 da Napo­leone (restituito a Milano dopo il 1815, per intervento di Canova) e dopo qualche soggiorno in tempo di guerra nel caveau della Cassa di Risparmio fu restaurato — questa è la penultima avventura — tra il 1962 e il 1972. In quell’occasione si scelse di dividerlo in 12 volumi. Pietro C. Marani, uno degli stu­diosi che ha seguito più da vicino la sistemazione del codice per incari­co della Commissione Vinciana, in­segna Storia dell’arte moderna al Po­litecnico di Milano ed è anche presi­dente dell’Ente Raccolta Vinciana. Dichiara: «La sfascicolatura dei qua­derni in cui erano composti i 12 vo­lumi consentirà una migliore con­servazione dei fogli leonardeschi e, attraverso le mostre tematiche, la lo­ro conoscenza e diffusione. Gli spe­cialisti potremmo vederli diretta­mente e le carte non soffriranno per essere legate senza aria; si eviterà inoltre la formazione di polveri».

Marani sottolinea: «Non si pote­vano conservare 1.186 documenti di Leonardo che, dopo il restauro di mezzo secolo fa, erano montati su carta moderna: sfogliandoli si sotto­ponevano a piegatura e ad azione meccanica. Il tempo avrebbe com­promesso il disegno originale e l’usura ne minava la conservazione. Inoltre si trattava di carte di diversa natura e quelle attuali rischiavano di trasmettere dei problemi a quelle originali». Carlo Pedretti, professo­re emerito a Los Angeles, direttore del Centro Studi leonardeschi del­l’Università della California, saluta con gioia questa sfascicolatura: «Benvenuta! L’ho perorata dagli an­ni ’70, quando pubblicai il catalogo a New York del Codice Atlantico e diedi di ogni foglio una scheda. Si sarebbe dovuta fare un’operazione come quella di Windsor, invece si compressero le carte in quei 12 volu­mi correndo notevoli rischi. Anche Federico Zeri si trovò d’accordo con me nel rifiutare quel restauro».

Esame di una pagina del Codice
Esame di una pagina del Codice
Monsignor Franco Buzzi, l’attua­le prefetto della Biblioteca Ambro­siana, tira un sospiro di sollievo a la­voro finito e confida: «La ricolloca­zione del Codice Atlantico foglio per foglio ci darà modo di favorirne la fruizione integrale a partire dalle prossime esposizioni. Tra pochi giorni daremo l’annuncio ufficiale alla stampa italiana e internazionale dei risultati raggiunti, nonché delle iniziative progettate; per ora posso soltanto dire che si svolgeranno alla Biblioteca Ambrosiana e nella Sacre­stia Monumentale del Bramante, in Santa Maria delle Grazie». Da que­ste parole si può dedurre che il Codi­ce Atlantico uscirà dall’Ambrosiana e comincerà a farsi conoscere diret­tamente. Le domande si moltiplica­no. Quali sistemi di sicurezza, quali programmi? Del resto, qualunque frammento di Leonardo ha un valo­re immenso e dopo gli interessi di Bill Gates — e il successo del polpet­tone Il codice da Vinci — si è ricrea­ta una febbre intorno anche alla più piccola reliquia, giacché decine di miliardari in tutto il mondo sarebbe­ro disposti, pur di averla, a sborsare cifre impensabili. Anche in tempi di crisi.

Armando Torno
11 giugno 2009

lunedì, giugno 08, 2009

Conservation of the Codex Sinaiticus Seminar Centre for Conservation, British Library Wednesday 8 July 2009 9:30-16:30

Conservation of the Codex Sinaiticus Seminar
Centre for Conservation, British Library
Wednesday 8 July 2009
9:30-16:30

Price: UKP55 (inc. VAT) Spaces are limited. Advanced booking
essential.

Following the Codex Sinaiticus Conference (6-7 July 2009) to
celebrate the virtual re-unification of all extant leaves of the
iconic manuscript, the British Library is hosting a seminar on the
Conservation of the Codex Sinaiticus.

The seminar on 8 July, 2009 will summarise the conservation work
done on the Codex Sinaiticus by the four partner institutions:
British Library, National Library of Russia, St Catherine's
Monastery and Leipzig University Library.

Speakers include:

Helen Shenton, Juan Garces, Barry Knight, Sara Mazzarino, Gavin
Moorhead, Flavio Marzo,
British Library

Rene Larsen, Rector, School of Conservation
The Royal Danish Academy of Fine
Arts

Professor Nicholas Pickwoad
University of the Arts London

Professor Ulrich Schneider, Ute Feller and Sophie Manns
Leipzig University
Library

Full programme and registration is available at:

<http://www.bl.uk/aboutus/stratpolprog/ccare/events/codex/index.html>

mercoledì, giugno 03, 2009

Sassuolo 2000 (quotidiano online di Sassuolo - Modena) - II^ Giornata Nazionale per lo studio multidisciplinare dei manoscritti miniati

Sassuolo 2000 (quotidiano online di Sassuolo - Modena) - II^ Giornata Nazionale per lo studio multidisciplinare dei manoscritti miniati

II^ Giornata Nazionale per lo studio multidisciplinare dei manoscritti miniati
Inserito il 03-06-2009 ~ 10:30 da Redazione
Appuntamenti

Modena - La diagnosi scientifica accorre al capezzale della conservazione dei beni culturali e in particolare della salvaguardia dei codici miniati. Di questo e delle moderne tecniche di analisi che precedono e guidano gli interventi e la corretta conservazione delle opere d’arte si parlerà nel corso della II Giornata Nazionale per lo studio multidisciplinare dei manoscritti miniati, che si svilupperà quest’anno attorno al grande tema de “Codici Miniati: Conservazione e Restauro”.

La giornata, che si pone come un ponte tra gli storici della miniatura e gli esperti nel campo della diagnostica, è organizzata dal Dipartimento di Chimica dell’Università degli studi di Modena e Reggio Emilia col patrocinio del CUBE – Centro di Ricerca Applicata ai Beni Culturali e la collaborazione della Biblioteca Estense Universitaria di Modena, del Comune di Modena e delle Università di Parma, del Piemonte Orientale e di Salerno.
“Il convegno – spiega il prof. Pietro Baraldi dell’Università degli studi di Modena e Reggio Emilia e responsabile del CUBE - intende fornire un panorama delle metodologie attualmente più in uso per la conservazione e il restauro dei codici manoscritti, in particolare quelli miniati. Verranno presi in esame gli ultimi metodi diagnostici non distruttivi nello studio delle opere miniate, come la nostra Bibbia di Borso d’Este”.
L’appuntamento è venerdì 5 giugno 2009 alle ore 9.00 nell’Aula Magna della facoltà di Lettere e Filosofia (Largo Sant’Eufemia 5) a Modena, dove si confronteranno molti dei maggiori studiosi che si occupano di restauro, storici dell’arte e scienziati competenti nel campo della diagnostica.

Nel corso di questa giornata si parlerà delle procedure oggi adottate al fine di prolungare la vita dei codici il più a lungo possibile mediante il controllo periodico del loro stato di salute, la conservazione in ambiente idoneo quanto a illuminazione, umidità e temperatura. Verranno posti in evidenza i problemi di alterazione che le miniature e gli inchiostri possono subire. Alcune relazioni verteranno sul recupero di materiale antico, come quello della Biblioteca Universitaria di Torino dopo l’incendio del 1904, che distrusse o danneggiò metà dei manoscritti, ma anche di parti preziose e giudicate in antico di alto valore, che vennero in qualche modo inserite come intarsi in opere più recenti. Verranno mostrati anche alcuni casi di intervento di restauro, soprattutto sulle coperte, che sono una parte integrante dei codici manoscritti e possono rivelare dettagli interessanti sulla storia delle opere.
Tra gli interventi in programma: “L’iniziale ritagliata” di Giusi Zanichelli (Univ. di Salerno); “Fenomeni di alterazione di miniature” di Maurizio Aceto (Univ. Piemonte Orientale); “I codici riassemblati” di Angelo Bernasconi e Francesca Marchetti (Univ. di Bologna); “Ultime novità nella diagnostica” di Angelo Maria Giaccaria (Biblioteca Nazionale Universitaria di Torino); “Casi di alterazioni di codici miniati” di Pietro Baraldi (Univ. di Modena e Reggio Emilia); “La coperta ricamata del libro d’ore di Modena. Esperienza di restauro” di Angela Lusvarghi e Ivana Marchetti (Restauro Tessile di Albinea); “Il degrado digli inchiostri” di Marina Bicchieri (Istituto Centrale Restauro e Conservazione del Patrimonio Archivistico e Librario); “Metodologie e procedure per la conservazione dei codici manoscritti” di Milena Ricci (Biblioteca Estense Universitaria di Modena) e “Evidenze di alterazione di codici liturgici ” di Simona Rinaldi (Univ. della Tuscia).

Per informazioni contattare il dott. Maurizio Aceto: tel. 0131 360265; e-mail.

venerdì, maggio 29, 2009

Albo Restauratori Conservatori | l'unione fa la forza!

Non ho avuto modo di capire chi siano, ma sarei curioso di sapere se c'è qualcuno che ha informazioni...

Albo Restauratori Conservatori | l'unione fa la forza!

mercoledì, maggio 27, 2009

Restauratori di beni culturali: profili di competenza, insegnamento del restauro, scuole di alta formazione. La nuova normativa

Restauratori di beni culturali: profili di competenza, insegnamento del restauro, scuole di alta formazione. La nuova normativa

4 giugno 2009, dalle ore 10.30 alle 13.00 presso la sala convegni di Villa Manin di Passariano (Udine).



Sono previsti interventi dell’Assessore regionale all’Istruzione formazione e cultura Roberto Molinaro, del Direttore dei corsi di restauro Alessandro Giacomello e del magistrato Pierfrancesco Ungari, consigliere dell’Ufficio legislativo del Ministero per i Beni e le Attività Culturali e magistrato del Tribunale Amministrativo Regionale dell’Umbria.



Il nome di Pierfrancesco Ungari è legato alla Commissione, di cui è stato presidente, incaricata di predisporre i testi dei decreti attuativi del Codice dei beni culturali e del paesaggio (Dlgs. 22 gennaio 2004, n. 42). Nel corso del suo intervento fornirà un quadro aggiornato circa la prossima emanazione dei decreti previsti dai commi 7,8 e 9 dell’art. 29 del Codice. Essi riguardano rispettivamente i profili di competenza dei restauratori, i criteri ed i livelli di qualità cui si adegua l'insegnamento del restauro ed infine le modalità di accreditamento delle scuole di alta formazione ed il relativo valore legale del titolo.



Tutte le informazioni sulla conferenza sono disponibili nel programma allegato.



Dott. Alessandro Pesaro

Segreteria Scuola regionale di conservazione e restauro

Centro di catalogazione e restauro dei beni culturali del Friuli Venezia Giulia

Villa Manin di Passariano - Esedra di ponente

33033 Passariano di Codroipo (UD)

Tel. 0432 824140; Fax. 0432 905147

mail: alessandro.pesaro@regione.fvg.it

martedì, maggio 26, 2009

Dal sito della Soprintendenza Archivistica per l'Abruzzo

Comunicazioni
La direzione ed il personale della Soprintendenza Archivistica esprimono innanzitutto solidarietà alla popolazione colpita dal sisma e ricordano con stima ed affetto la collega Gianna Lippi dell’Archivio di Stato dell’Aquila tra le prime vittime in elenco. L’ufficio sta procedendo ora alla raccolta di tutti i dati utili in possesso relativi ai fondi archivistici vigilati pubblici e privati della provincia dell’Aquila raccolti nel corso dell’attività di tutela. Dati utili nel momento in cui si potrà procedere al recupero, messa in sicurezza e, si auspica, immediato ripristino del materiale documentario nelle loro sedi. Questa raccolta di dati si rende necessaria anche per poter procedere successivamente alla quantificazione della dispersione e valutazione dei danni subiti dal patrimonio documentario. Nel corso di questi anni proprio la provincia dell’Aquila è stata oggetto di un progetto di censimento di tutti gli archivi comunali dei quali si posseggono quindi dati aggiornatissimi corredati in qualche caso da riprese fotografiche. Medesimo intervento è stato condotto per gli archivi parrocchiali il cui censimento è quasi ultimato. Stanno pervenendo da tutta Italia comunicazioni da parte di archivisti e associazioni che offrono la loro collaborazione per il recupero del patrimonio archivistico. La Soprintendenza sta raccogliendo i nominativi che saranno senz’altro tenuti presente nel momento in cui si procederà all’effettivo recupero e ringrazia anticipatamente per la collaborazione cosi generosamente offerta.. Collaborazione quanto mai gradita se si pensa alla quantità di materiale documentario da recuperare perché oltre agli archivi storici sarà necessario occuparsi anche di quelli correnti, strumenti indispensabili per la ripresa, nel più breve tempo possibile, della vita amministrativa.
Uff. Comunicazione
Soprintendenza archivistica per l’Abruzzo Pescara
http://www.facebook.com/l.php?u=http://archivi.beniculturali.it%2FSAPE%2Fcomunicazioni.html
--------------------

Plowden Medal awarded to Nicholas Pickwoad

Plowden Medal awarded to Nicholas Pickwoad

Professor Nicholas Pickwoad has been awarded the Royal Warrant
Holder Association's 2009 Plowden Medal. The award has been made in
recognition of his unceasing dedication to the study and
conservation of historic libraries and rare books. The medal will
be presented to him by HRH The Princess Royal at the Royal Warrant
Holders Association Lunch in London on 2 June 2009.

Pickwoad is unusual in that he is both a practical conservator and
an academic who has an innate ability to produce solutions for a
wide range of problems. He invented the concept of the "bookshoe",
nearly thirty years ago, designed to support and protect books on
open shelves in architectural settings and, later, invented and
marketed a portable board-creasing machine to facilitate on-site
phase-boxing programmes. This is in addition to his work for the
National Trust and the monastery of St. Catherine, Mount Sinai,
where as leader of the library conservation project his extensive
skills have been comprehensively utilised.

The gold medal, inaugurated in 1999, is awarded by the Royal Warrant
Holders Association in memory of the late Hon. Anna Plowden CBE, the
leading conservator who was Vice-President of the Association at the
time of her death in 1997. The Medal is presented annually to the
individual who has made the most significant recent contribution to
the advancement of the conservation profession. It can also be
awarded to recognise a lifetime of commitment and achievement.

This award recognises Pickwoad's craftsmanship, scholarship,
innovation and work as a teacher in the field of book conservation.
He has been a formative influence on book conservation and
conservators for more than thirty years and has recently established
the "Ligatus" project in conjunction with the University of the Arts
to provide a research unit into the study of historic bookbinding
through the development of digital tools and resources.

Whilst studying at Oxford University, Pickwoad attended bookbinding
evening classes at Oxford Polytechnic. Those early lessons led him
to two years of formal training with Roger Powell OBE and set him on
his chosen path.

Pickwoad's teaching career commenced in 1976 at the Camberwell
School of Art and Crafts where he taught bookbinding one day a week,
which later led to an annual seminar on the history and preservation
of bindings. As his passion for the subject grew, he established a
commercial rare book and manuscript conservation workshop in Norfolk
and soon he was an advisor for the National Trust and NADFAS as well
as working on the conservation of some of Britain's most revered
libraries. During his career he has received many invitations to
speak in the United States of America and has completed research
fellowships in Italy and Germany. Under the British Council's
auspices he surveyed the library of the National College of Arts,
Lahore (founded by Rudyard Kipling's father) as part of their
contribution to the 50th anniversary of the founding of Pakistan.

Richard Watling, Chairman of the Plowden Committee comments, "We are
delighted to present the Royal Warrant Holders Association's 2009
Plowden Medal to Nicholas Pickwoad, his innovative work, born out of
an in-depth knowledge of bookbinding combined with a scholar's
understanding for the conservation of the book and historical
library, has had a fundamental effect on current practice and will
stand as a reference point for future generations of conservation
professionals."



Photographs will be taken of Prof. Nicholas Pickwoad receiving the
Plowden Medal at the Royal Warrant Holders Luncheon on 2 June 2009.
Copies will be available from

Shelley-Anne Claircourt
+44 20 7854 1827
info [at] pressoffice__co__uk

mercoledì, aprile 29, 2009

Corso di Laurea Magistrale ‘Restauro dei Materiali Librari’




Si inaugura il Corso di Laurea Magistrale

‘Restauro dei Materiali Librari’
4 maggio 2009, ore 10.00 - Sala Conferenze dell’ICPAL - Via Milano, 76 Roma
L'Istituto centrale per il restauro e la conservazione del patrimonio archivistico e
librario (ICPAL) e l'Università degli Studi di Roma "Tor Vergata", Facoltà di
Lettere e Filosofia, hanno attivato, per l'anno accademico 2008-2009 il corso di
laurea magistrale in “Restauro dei materiali librari (Remlib)”.
Il Corso verrà presentato il 4 maggio alle ore 10 presso la Sala Conferenze
dell’ICPAL.
Il biennio ha una struttura decisamente innovativa che prevede un corso di studi
sia teorico che pratico.
Per dare una risposta alla crescente richiesta di formazione nel campo del
restauro dei materiali archivistici e librari, in attesa dell’attivazione della Scuola
di Alta Formazione, l’ICPAL collabora con l’Università fornendo le proprie
conoscenze ed esperienze tramite il personale tecnico-scientifico impegnato nella
docenza, attivando un laboratorio-scuola presso la propria sede, partecipando
all’organizzazione scientifico-didattica e alla selezione dei partecipanti.
La laurea in Restauro dei Materiali Librari permetterà di sviluppare specifiche
competenze per la prevenzione, la conservazione e il restauro dei materiali
librari e archivistici e di formare una figura professionale in grado di rivestire
ruoli con responsabilità di controllo e gestione nella conservazione del
patrimonio in archivi, biblioteche, musei. Al termine del biennio, inoltre, il
laureato magistrale disporrà degli strumenti necessari per svolgere attività di
ricerca.
Il percorso formativo prevede l’acquisizione di avanzate conoscenze scientifiche
relative ai materiali che costituiscono libri e documenti, alla struttura, alle
proprietà fisico-chimiche e ai processi di degrado cui vanno incontro. L’attività
pratica di laboratorio, affidata ai restauratori dell’ICPAL e svolta su libri e
documenti selezionati per finalità didattiche, consolida l’apprendimento dei
metodi e delle tecniche di intervento più all’avanguardia.
Il corso rappresenta un’occasione per trasmettere un sapere d’eccellenza
nell’ambito della tutela e valorizzazione dei beni culturali, fatto di intelligenza,
sensibilità, esperienza ed apprezzato in tutto il mondo.


Programma
Saluti
Armida Batori - Direttore dell’ICPAL
Renato Lauro -Magnifico Rettore - Università di Roma Tor Vergata
Lazzaro Rino Caputo - Preside della Facoltà di Lettere e Filosofia - Università di
Roma Tor Vergata
Franco Salvatori - Pro-Rettore per il Territorio - Università di Roma Tor Vergata
Interventi
Enzo Siviero - Vice Presidente del Consiglio Universitario Nazionale
Pierfrancesco Ungari - Consigliere dell’Ufficio legislativo - Ministero per i Beni e
le Attività Culturali
Fulvio Mercuri - Presidente del Corso di Laurea Magistrale in Restauro dei
Materiali Librari
Visita alla sede del Corso
Aperitivo
Visita all’Istituto
ICPAL- Servizio per la comunicazione e la promozione culturale
Tel 06 48291-235 – 223; fax 06 4814968
e-mail: assunta.difebo@beniculturali.it
www.icpal.beniculturali.it; www.remlib.lettere.uniroma2.it

domenica, aprile 26, 2009

Bordighera lancia “adotta un libro” | Liguria | Imperia | Il Secolo XIX


Adotta un bambino. Adotta un nonno, adotta pure un animale. Ma stavolta, la richiesta di adozione è rivolta ad un libro. E che libro. Anzi. Centinaia di volumi piccoli e grandi, persino enciclopedie. Tutti da restaurare. Sono quelli appartenenti ad una parte dei fondi antichi della Biblioteca Civica Internazionale di via Romana, gioielli che racchiudono in pagine e pagine la storia del passato locale, ma anche francese, inglese e tedesco. Rarità che il tempo e l’usura hanno piegato ma non distrutto, ma che ora chiedono l’attenzione per un rapido restauro o la memoria del passato si perderà per sempre.

Il Comune, che già ha impiegato fondi del bilancio per risanare proprio di recente l’intero patrimonio librario della Biblioteca attaccato da un parassita, il cosiddetto “pesciolino azzurro”, sta investendo anche nel restauro dei libri antichi ma il costo da affrontare per recuperare tutti i volumi martoriati dal trascorrere degli anni, e sono centinaia e centinaia, diventa eccessivo anche per Palazzo Garnier. Meno se ad occuparsi del restauro saranno i cittadini perché l’assessore al patrimonio e bilancio Giulio Viale, proprio ieri pomeriggio, in occasione della presentazione della riedizione della guida “Bordighera”, pubblicata dalla “Bruckmann’s” , ha lanciato un appello ai bordigotti: adottate un libro dei fondi antichi così si potrà restaurare e restituirgli lo splendore del passato.

continua su: Bordighera lancia “adotta un libro” | Liguria | Imperia | Il Secolo XIX



Pubblicato con Flock

Plowden Medal awarded to Nicholas Pickwoad


Professor Nicholas Pickwoad has been awarded the Royal Warrant
Holder Association's 2009 Plowden Medal. The award has been made in
recognition of his unceasing dedication to the study and
conservation of historic libraries and rare books. The medal will
be presented to him by HRH The Princess Royal at the Royal Warrant
Holders Association Lunch in London on 2 June 2009.

Pickwoad is unusual in that he is both a practical conservator and
an academic who has an innate ability to produce solutions for a
wide range of problems. He invented the concept of the "bookshoe",
nearly thirty years ago, designed to support and protect books on
open shelves in architectural settings and, later, invented and
marketed a portable board-creasing machine to facilitate on-site
phase-boxing programmes. This is in addition to his work for the
National Trust and the monastery of St. Catherine, Mount Sinai,
where as leader of the library conservation project his extensive
skills have been comprehensively utilised.

The gold medal, inaugurated in 1999, is awarded by the Royal Warrant
Holders Association in memory of the late Hon. Anna Plowden CBE, the
leading conservator who was Vice-President of the Association at the
time of her death in 1997. The Medal is presented annually to the
individual who has made the most significant recent contribution to
the advancement of the conservation profession. It can also be
awarded to recognise a lifetime of commitment and achievement.

This award recognises Pickwoad's craftsmanship, scholarship,
innovation and work as a teacher in the field of book conservation.
He has been a formative influence on book conservation and
conservators for more than thirty years and has recently established
the "Ligatus" project in conjunction with the University of the Arts
to provide a research unit into the study of historic bookbinding
through the development of digital tools and resources.

Whilst studying at Oxford University, Pickwoad attended bookbinding
evening classes at Oxford Polytechnic. Those early lessons led him
to two years of formal training with Roger Powell OBE and set him on
his chosen path.

Pickwoad's teaching career commenced in 1976 at the Camberwell
School of Art and Crafts where he taught bookbinding one day a week,
which later led to an annual seminar on the history and preservation
of bindings. As his passion for the subject grew, he established a
commercial rare book and manuscript conservation workshop in Norfolk
and soon he was an advisor for the National Trust and NADFAS as well
as working on the conservation of some of Britain's most revered
libraries. During his career he has received many invitations to
speak in the United States of America and has completed research
fellowships in Italy and Germany. Under the British Council's
auspices he surveyed the library of the National College of Arts,
Lahore (founded by Rudyard Kipling's father) as part of their
contribution to the 50th anniversary of the founding of Pakistan.

Richard Watling, Chairman of the Plowden Committee comments, "We are
delighted to present the Royal Warrant Holders Association's 2009
Plowden Medal to Nicholas Pickwoad, his innovative work, born out of
an in-depth knowledge of bookbinding combined with a scholar's
understanding for the conservation of the book and historical
library, has had a fundamental effect on current practice and will
stand as a reference point for future generations of conservation
professionals."

Further information:

Nicholas Pickwoad
+44 1603 872303
npickwoad [at] paston__co__uk

Shelley-Anne Claircourt (RWHA Press)
+44 20 7854 1827
info [at] pressoffice__co__uk

Richard Peck (RWHA)
+44 20 7828 2268
richard.peck [at] rwha__co__uk

Photographs will be taken of Prof. Nicholas Pickwoad receiving the
Plowden Medal at the Royal Warrant Holders Luncheon on 2 June 2009.
Copies will be available from

Shelley-Anne Claircourt
+44 20 7854 1827
info [at] pressoffice__co__uk

------------------------------



Gmail - [ConsDistList] Inst. 22:61 - alesido@gmail.com


Pubblicato con Flock

mercoledì, aprile 22, 2009

Seminario regionale “Prevenire l’emergenza in biblioteche e archivi: verso la costruzione di piani di emergenza specifici” ‹ Lombardia Cultura

Seminario regionale “Prevenire l’emergenza in biblioteche e archivi: verso la costruzione di piani di emergenza specifici” ‹ Lombardia Cultura: "Seminario regionale “Prevenire l’emergenza in biblioteche e archivi: verso la costruzione di piani di emergenza specifici”

6 maggio 2009, Milano, Sede, Via Pola 14
Sala Conferenze 1 p.t. lotto pesca,
Ore 14-18
Programma

Saluti

Massimo Zanello, Assessore Culture Identità Autonomie della Lombardia

Introduzione e coordinamento:

Ornella Foglieni, Soprintendenza Beni Librari, Regione Lombardia

Traccia di un piano organico di prevenzione, protezione e recupero di beni librari e documentari

Adalberto Biasiotti, esperto UNESCO

L’esperienza svizzera di COSADOCA

Danielle Mincio, IFLA- PAC

L’impegno dell’ICPAL: un piano di emergenza per gli archivi e le biblioteche
Armida Batori, Istituto Centrale per il Restauro e la conservazione del Patrimonio Archivistico e Librario (ICPAL)

Comunicazioni : Barbara Bertini (Archivio di Stato di Milano), Centro APICE (Università degli Studi di Milano), David Bidussa (Fondazione G.Feltrinelli)

Dibattito e conclusioni

Informazioni: 02 6765 2647- 5023 "

giovedì, aprile 16, 2009

primi sforzi per il recupero dell'archivio di stato dell'Aquila

Oggi sono state recuperate le carte più importanti dell'Archivio di Stato conservate all'interno del palazzo della Prefettura dell'Aquila. Tra queste gli archivi notarili dal 400 all'800, gli elaborati grafici relativi al processo per la tragedia del Vajont, il cui primo grado si svolse all'Aquila, il catasto preonciario, il fondo archivistico dell'Archivio civico aquilano formato da 888 volumi tra registri e codici e 878 pergamene. Per un totale di mezzo chilometro di carte su circa quattro chilometri e mezzo di documentazione. Per il recupero del materiale restante si attende la messa in sicurezza dei locali. Il palazzo della Prefettura è andato completamente distrutto e quello che rimane è seriamente pericolante.

mercoledì, aprile 15, 2009

Invito conferenze

Si comunica che la FONDAZIONE PER LA CONSERVAZIONE E IL RESTAURO DEI BENI LIBRARI, nell'ambito del Master in Conservazione e
restauro delle raccolte librarie e documentarie, in collaborazione con il
Comune di Spoleto, la Fondazione Cassa di Risparmio di Spoleto e il Rotary
Club di Spoleto, organizza le conferenze:
L’ORIGINE DELLA BIBLIOGRAFIA IN QUANTO DISCIPLINA – Prof. Alfredo Serrai
(Ordinario di Storia delle Biblioteche SSAB – Università di Roma “La
Sapienza”) – Giovedì 23 aprile 2009 ore 16.00 Sala conferenze Palazzo
Mauri – Spoleto (PG);
LIBRI E DOCUMENTI FALSI TRA MEDIOEVO ED ETÀ MODERNA - Prof. Paolo Preto
(Ordinario di Storia Moderna Università degli Studi di Padova) – Lunedì 4
maggio 2009 ore 16.00 Sala conferenze Palazzo Mauri – Spoleto (PG).
Pubblicato con Flock

27 aprile 2009 La conservazione dei beni librari, documentari e delle opere d’arte su carta


27 aprile 2009

La conservazione dei beni librari, documentari e delle opere d’arte su carta
Conferenze e seminari della Scuola regionale di restauro del Friuli Venezia Giulia

Il Centro regionale di catalogazione e restauro dei beni culturali organizza una serie di conferenze e lezioni seminariali gratuite rivolte al personale di biblioteche, archivi e musei e a tutti gli interessati.

27 aprile 2009, h 9.00 - 13.00
Villa Manin di Passariano, Scuola regionale di conservazione e restauro, laboratori

GIULIO ZACCARELLI
Conoscere, misurare, prevenire. La conservazione preventiva in archivi, musei e biblioteche. Con esercitazioni pratiche

La partecipazione è limitata a 12 persone. Si prega di compilare il modulo di iscrizione e di inviarlo via e-mail, entro le ore 14 del 24 aprile 2009, ad: alessandro.pesaro@regione.fvg.it. Le domande verranno accolte in ordine cronologico fino ad esaurimento dei posti disponibili. Iscrizione e frequenza sono gratuite.
Tutte le informazioni sul seminario sono disponibili nel programma allegato:






Centro Regionale di Catalogazione e Restauro dei Beni Culturali - Friuli Venezia Giulia


Pubblicato con Flock

mercoledì, aprile 08, 2009

Presentazione della III Edizione di Salviamo un Codice (2009). -- Padova, 2009-04-21

Martedì 21 aprile 2009, alle ore 10.30, a Palazzo Buzzaccarini (Via
Euganea n. 23, Padova) sarà presentato il restauro del codice 29
(Biblioteca del Seminario vescovile, Padova: Ovidio, Eroidi; Pseudo
Ovidio, La Pulce; Goro Dati, La Sfera) e del relativo Quaderno di
restauro (Carte scoperte, a cura di Leonardo Granata, Padova, Edizioni
Nova Charta, 2009).

 Interverranno: Lorena Dal Poz, Soprintendente ai Beni librari, Regione
del Veneto; Don Riccardo Battocchio, Biblioteca del Seminario vescovile
di Padova; Leonardo Granata, Università di Padova, Giordana Mariani
Canova, Università di Padova; Carlo Federici, Università Ca' Foscari di
Venezia; Melania Zanetti, Studio Res, Padova; Marina Brustolon,
Università di Padova.

 Sarà inoltre presentato il progetto di restauro per la prossima
edizione di "Salviamo un Codice" (2010), a cura di Maria Letizia
Sebastiani, Direttore della Biblioteca Nazionale Marciana di Venezia.

 Coordina: Gianfranco Malafarina, Direttore di "Alumina. Pagine
miniate".

 Il codice 29 della Biblioteca del Seminario vescovile di Padova.
 Tra i 1200 codici conservati presso la Biblioteca del Seminario
vescovile di Padova si trova il cod. 29,un manoscritto cartaceo di 91
fogli,copiato e decorato in ambiente toscano con ogni probabilità nel
corso del terzo quarto del secolo XV. Come attesta lo stemma presente al
f.1r, venne realizzato per il medico senese Alessandro Sermoneta
(1424-1487),docente universitario in varie Università, tra cui anche
Padova,dove insegnò dal 1479 al 1484. Il codice contiene il
volgarizzamento delle Eroidi di Ovidio e della pseudo-ovidiana Pulce, e
la Sfera di Goro Dati, accompagnata da numerose illustrazioni
geografiche. Nel corso del 2008, grazie al progetto "Salviamo un
Codice", il manoscritto è stato sottoposto a un delicato intervento di
restauro condotto da Melania Zanetti (Studio Res, Padova).


Pubblicato con Flock

martedì, aprile 07, 2009

The 2009 Helen Warren DeGolyer Triennial Bookbinding Conference

The 2009 Helen Warren DeGolyer Triennial Bookbinding Conference
Bridwell Library
Southern Methodist University
Friday, June 5, 2009

Workshops:

   Olivia Primanis
   Exploring Binding Structures and How They Work

   Priscilla Spitler
   A Different Kind of Leather Decor

   James Tapley
   You Have to Break an Egg: Making and Using Eggshell Lacquer for
   Bookbinding

Lunch Presentation: James Tapley, winner of the 2006 Helen Warren
DeGolyer Triennial Competition for American Bookbinding, will
discuss his design and binding for Jorge Luis Borges, Ficciones.

Opening Reception

The 2009 Helen Warren DeGolyer Triennial Competition for American
Bookbinding entries on exhibit in The Elizabeth Perkins Prothro
Galleries

A registration form is available at

   <URL:http://smu.edu/
       bridwell/events/degolyer/
2009degolyerconference.html>

   **** Moderator's comments: The above URL has been wrapped for
   email. There should be no newline.

If you have questions about the conference or registration, contact
Tessa Foreman at 214-768-3483.
Pubblicato con Flock