motore di ricerca in inglese sul restauro librario

Loading

Scarica il salvaschermo sulla manipolazione dei materiali librari

Nuovamente funzionante ! è disponibile on line dal sito di patologia il salvaschermo sulla manipolazione dei materiali librari, può essere un sistema economico per l'educazione di personale e utenti, fatene buon uso ! scarica il salvaschermo

mercoledì, gennaio 20, 2010

CORSO DI STORIA DELL';INCISIONE A MILANO

CORSO DI STORIA DELL';INCISIONE A MILANO

CORSI DI AGGIORNAMENTO: TEORIA E STORIA DELLA FOTOGRAFIA - CATALOGAZIONE ARCHIVIAZIONE DELLA FOTOGRAFIA

CORSO DI AGGIORNAMENTO ; TEORIA E STORIA DELLA FOTOGRAFIA

Il Museo di Fotografia Contemporanea organizza un corso aperto a ogni tipo di pubblico.

Il corso prevede tre lezioni dedicate alla storia della fotografia e alla comprensione del linguaggio fotografico, con particolare attenzione verso i generi della fotografia e nei confronti del passaggio al digitale. Il quarto incontro e il workshop finale sono pensati specificatamente per educatori, operatori del settore e insegnanti di ogni ordine e grado.

Il corso si tiene per cinque giovedì consecutivi presso il Museo, dalle ore 18 alle 20.30, a partire da giovedì 11 febbraio 2010.

Il costo di iscrizione per le prime tre lezioni è 30 euro; per tutti e cinque gli appuntamenti è 40 euro.


Info, programma e iscrizioni nella sezione SERVIZIO EDUCATIVO/FORMAZIONE del sito www.mufoco.org


CORSO DI CATALOGAZIONE E ARCHIVIAZIONE DELLA FOTOGRAFIA

Il corso, rivolto a studenti laureati, è realizzato dal Centro Riccardo Bauer in collaborazione con il Museo, ed è alla sua terza edizione. Ha inizio il 25 gennaio e termina il 24 giugno 2010, con un totale di 300 ore di lezioni, esercitazioni di laboratorio, visite ad archivi, comprese 120 ore di stage presso archivi di musei, enti pubblici e privati, case editrici, agenzie.

Info, programma completo, modalità di iscrizione:
www.cfpbauer.it/15/09/2009/catalogazione-e-archiviazione-della-fotografia/

MUSEO DI FOTOGRAFIA CONTEMPORANEA

orari di apertura (fino al 31 gennaio 2010):
martedì - domenica ore 10 - 19
giovedì ore 10 - 23
lunedì chiuso

BIBLIOTECA
mercoledì - venerdì ore 10 - 19
sabato su appuntamento

ingresso gratuito

info:
Museo di Fotografia Contemporanea
Villa Ghirlanda, via Frova 10
20092 Cinisello Balsamo - Milano

T +39 02 6605661"

venerdì, gennaio 15, 2010

Restauratori, proviamo a ricominciare - Istruzioni per l'uso

Restauratori, proviamo a ricominciare - Istruzioni per l'uso: "riprendo e pubblico da 'Biblioteche oggi' del dicembre 2009 il seguente articolo che lumeggia abbastanza bene i temi aperti ad oggi:


I restauratori col bollino blu
(come le banane)

A proposito di macchinose procedure di qualificazione e dintorni

Gisella Guasti

Responsabile del Laboratorio di restauro
Biblioteca nazionale centrale di Firenze"

giovedì, gennaio 14, 2010

Il ministro Frattini in Mauritania: firmati accordi di cooperazione

Il ministro Frattini in Mauritania: firmati accordi di cooperazione: "Grazie all’iniziativa della Cooperazione italiana per la formazione di specialisti nel restauro di antichi testi manoscritti conservati nelle biblioteche private in Mauritania, in due anni sono stati realizzati cinque laboratori con attrezzature e materiali e sono stati formati dodici specialisti che potranno lavorare autonomamente per i prossimi cinque anni. Il problema, però, è che i testi presenti delle biblioteche sono oltre 40 mila e di questi nell’ambito del progetto ne sono stati salvati 20 mila. Di conseguenza, i libri rimanenti rischiano di essere distrutti in quanto mal conservati o attaccati da tarli e termiti. Da qui le autorità mauritane hanno chiesto al ministro di proseguire e, se possibile, di estendere l’iniziativa."

Passariano: testi di astronomia e coranici sottratti alle tarme dalla scuola di restauro | Blog di Aldo Rossi

Passariano: testi di astronomia e coranici sottratti alle tarme dalla scuola di restauro | Blog di Aldo Rossi: "Dal MV di oggi

«È un risultato straordinario. L’Italia prenderà seriamente in considerazione la richiesta mauritana di continuare a preservare il suo patrimonio culturale». Il ministro degli Esteri, Franco Frattini, in visita nel Paese africano, ha commentato cosí i risultati ottenuti dal progetto finanziato dalla cooperazione italiana e dalla Regione Friuli Venezia Giulia per la formazione di specialisti nel restauro di antichi testi manoscritti conservati in centinaia di biblioteche private in tante città della Mauritania.
Decine di migliaia di manoscritti in arabo classico su astronomia, matematica, letteratura, giurisprudenza e anche testi coranici, che sono a rischio di sparizione perchè mal conservati o attaccati da tarli e termiti.
Il progetto iniziato nel dicembre 2007 si è concluso formalmente oggi, ma non è escluso, come ha detto Frattini visitando ieri uno dei laboratori, che possa essere finanziato nuovamente. In due anni di lavoro sono stati realizzati 5 laboratori con attrezzature e materiali, e sono stati formati 12 specialisti mauritani che potranno lavorare autonomamente per i prossimi 5 anni. Il finanziamento è venuto dalla Farnesina per circa 600 mila euro e, per altri 350 mila euro, metà dalla Regione Friuli Venezia Giulia e metà da partner governativi mauritani. Le biblioteche, tutte private, si trovano oltre che nella capitale mauritana, in altre 4 città sparse nel deserto e considerate dall’Unesco patrimonio dell’umanità. Si tratta di Chingiuetti, Ouadane, Tichitt, Oualata, le ultime due ormai difficilmente raggiungibili attraverso le dune del deserto a causa del sempre maggior controllo del territorio dal parte di Al Qaeda."

giovedì, gennaio 07, 2010

Biblioteche oggi. Mensile di informazione e dibattito.

è stato pubblicato su biblioteche oggi l'articolo di Gisella Guasti sulla qualifica dei restauratori dei beni librari, purtroppo non è disponibile on line.


Biblioteche oggi. Mensile di informazione e dibattito.: "Discussione

* p. 25 I restauratori col bollino blu (come le banane)
Gisella Guasti [abstract]"

Trani - Biblioteca, sistemati tutti i libri | Trani Web il portale di Trani

Trani - Biblioteca, sistemati tutti i libri | Trani Web il portale di Trani: "Trani Informa
Comunicazione e informazione culturale, turistica e di servizio




Biblioteca, sistemati tutti i libri
Tempi più lunghi per l'archiviazione. Gestione a una società leccese


mercoledì 6 gennaio 2010




Duemila e 87 metri lineari di libri. Missione compiuta alla biblioteca Giovanni Bovio, dove la Premio srl di Bologna ha finito di sistemare già il mese scorso i volumi mancanti all’appello sugli scaffali, ponendo fine a un’Odissea che va avanti dal 1995. Da quando cioè la sede di Palazzo Vischi venne chiusa per problemi statici.

I libri, rimasti per anni in balìa di polvere e umidità nei depositi, erano così rovinati da richiedere un attento restauro. E così la nuova sede della biblioteca in piazza San Francesco venne inaugurata nel dicembre 2003 praticamente senza libri. Solo quattro anni dopo venne completata la sistemazione delle sale Beltrani e Trombetta con 12mila volumi tutti antichi, mentre per la maggior parte degli altri 100mila volumi mancavano scaffali adatti alla nuova struttura.

Nemmeno avere gli scaffali è stato semplice: l’azienda vincitrice dell’appalto, la Bertello di Cuneo, fallì e passarono due anni prima che si definisse l’aggiudicazione a un’altra azienda, la Seca di Trani. Ma sistemare i libri era tutta un’altra storia. Ci sono voluti due appalti per metterne 80mila: il primo a ore alla cooperativa L’Isola di Trani (25mila libri) e il secondo a metro lineare alla Premio srl di Bologna (gli altri 55mila).

Ma non è ancora finita per la Bovio. Mancano ancora il responsabile e il personale per far funzionare la struttura. Il responsabile sarà nominato dopo l’ultimo colloquio con aspiranti al ruolo; la gestione invece dovrebbe essere affidata a una società di Lecce, previa verifica della documentazione già arrivata. Questioni di giorni.

Tempi lunghi invece per l’archiviazioni informatica e l’inserimento dei volumi nel sistema Sbn (Servizio bibliotecario nazionale): persi i fondi Por per un milione di euro, perché il Comune non aveva affidato per tempo gli appalti, si cercano i soldi. Difficile prevedere la spesa nel prossimo bilancio di previsione, si spera in nuovi fondi europei."