motore di ricerca in inglese sul restauro librario

Loading

Scarica il salvaschermo sulla manipolazione dei materiali librari

Nuovamente funzionante ! è disponibile on line dal sito di patologia il salvaschermo sulla manipolazione dei materiali librari, può essere un sistema economico per l'educazione di personale e utenti, fatene buon uso ! scarica il salvaschermo

mercoledì, aprile 08, 2009

Presentazione della III Edizione di Salviamo un Codice (2009). -- Padova, 2009-04-21

Martedì 21 aprile 2009, alle ore 10.30, a Palazzo Buzzaccarini (Via
Euganea n. 23, Padova) sarà presentato il restauro del codice 29
(Biblioteca del Seminario vescovile, Padova: Ovidio, Eroidi; Pseudo
Ovidio, La Pulce; Goro Dati, La Sfera) e del relativo Quaderno di
restauro (Carte scoperte, a cura di Leonardo Granata, Padova, Edizioni
Nova Charta, 2009).

 Interverranno: Lorena Dal Poz, Soprintendente ai Beni librari, Regione
del Veneto; Don Riccardo Battocchio, Biblioteca del Seminario vescovile
di Padova; Leonardo Granata, Università di Padova, Giordana Mariani
Canova, Università di Padova; Carlo Federici, Università Ca' Foscari di
Venezia; Melania Zanetti, Studio Res, Padova; Marina Brustolon,
Università di Padova.

 Sarà inoltre presentato il progetto di restauro per la prossima
edizione di "Salviamo un Codice" (2010), a cura di Maria Letizia
Sebastiani, Direttore della Biblioteca Nazionale Marciana di Venezia.

 Coordina: Gianfranco Malafarina, Direttore di "Alumina. Pagine
miniate".

 Il codice 29 della Biblioteca del Seminario vescovile di Padova.
 Tra i 1200 codici conservati presso la Biblioteca del Seminario
vescovile di Padova si trova il cod. 29,un manoscritto cartaceo di 91
fogli,copiato e decorato in ambiente toscano con ogni probabilità nel
corso del terzo quarto del secolo XV. Come attesta lo stemma presente al
f.1r, venne realizzato per il medico senese Alessandro Sermoneta
(1424-1487),docente universitario in varie Università, tra cui anche
Padova,dove insegnò dal 1479 al 1484. Il codice contiene il
volgarizzamento delle Eroidi di Ovidio e della pseudo-ovidiana Pulce, e
la Sfera di Goro Dati, accompagnata da numerose illustrazioni
geografiche. Nel corso del 2008, grazie al progetto "Salviamo un
Codice", il manoscritto è stato sottoposto a un delicato intervento di
restauro condotto da Melania Zanetti (Studio Res, Padova).


Pubblicato con Flock
Posta un commento